Palermo, Santoro (Lega) attacca Orlando: "Sogna una città piena di clandestini" :ilSicilia.it
Palermo

LE DICHIARAZIONI DELL'ESPONENTE DEL CARROCCIO

Palermo, Santoro (Lega) attacca Orlando: “Sogna una città piena di clandestini”

di
10 Luglio 2020

L’ultimo sindaco d’Italia Leoluca Orlando attacca Salvini sognando una città piena di clandestini“.

A dichiararlo è il responsabile del dipartimento “Giustizia” della Lega in Sicilia, Stefano Santoro.

Le dichiarazioni di Orlando nei confronti di Matteo Salvini oltre ad essere destituite da ogni fondamento, integrano il reato di diffamazione ai danni del Senatore Salvini, travalicando il diritto di critica politica“.

I palermitani sono esclusivamente preoccupati dello stato di degrado in cui versa Palermo e dell’incredibile numero di clandestini che gravitano in città, soprattutto nel centro storico. Il commercio, l’artigianato e il turismo – aggiunge Santoro in una nota – sono alla canna del gas e persino la scandalosa situazione al cimitero dei Rotoli, dove la cittadinanza incredula assiste all’accatastamento di oltre 500 bare che senza alcun ritegno e rispetto per i familiari dei defunti, aspettano ancora di essere tumulate“.

Ecco, sono questi i problemi di cui sono stanchi i palermitani, che hanno manifestato ovviamente la loro opinione sull’operato di Orlando e della sua Giunta, facendolo precipitare all’ultimo posto nella classifica di gradimento dei sindaci italiani. Orlando vorrebbe che la città fosse popolata ancora di più da clandestini, tanto fra poco lascerà le redini dell’amministrazione e il problema rimarrà ai palermitani ed a chi governerà Palermo nel prossimo futuro“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin