Palermo, scattano i licenziamenti per 216 dipendenti del passante ferroviario :ilSicilia.it
Palermo

proclamato lo stato di agitazione

Palermo, scattano i licenziamenti per 216 dipendenti del passante ferroviario

di
19 Ottobre 2018

Oggi, venerdì 19 ottobre, dalle 7 alle 9, assemblea di protesta al cantiere della Sis di via Belgio a Palermo indetta da Fillea, Filca e Feneal. Si va verso la proclamazione dello stato di agitazione a seguito della comunicazione di avvio delle procedure di licenziamento da fine ottobre, per tutti i 216 dipendenti, in modo graduale, fino al 31 gennaio 2019.

“Il 31 gennaio è infatti il termine ultimo in cui scadono gli accordi intercorsi tra Rfi e Sis. Con la fine dei lavori, le opere incomplete saranno diverse: la realizzazione delle stazioni Belgio, Imera, Lazio, Capaci, gli impianti tecnologici, il binario nella galleria di via Notarbartolo e 60 metri di galleria in vicolo Bernava. Rimangono altri due anni di lavori per completare il passante ferroviario – dichiarano Fillea, Filca e Feneal – Rfi e Sis entro il 31 gennaio ultimeranno quanto è già stato concordato”.

Sequestro, vicolo Bernava
Sequestro, vicolo Bernava

Dopo 10 anni, il cantiere che collega la stazione centrale con l’aeroporto rimarrà per lunghi tratti a unico binario, con i treni che si fermeranno quando si incrociano e un tempo di percorrenza dalla stazione all’aeroporto di 57 minuti. Il doppio binario infatti è incompleto nella tratta che va dalla stazione Orleans a Notarbartolo”.

I sindacati chiedono di incontrare l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e Rfi a un tavolo in Prefettura.

“In merito alle proteste annunciate da parte dei sindacati per i lavori del passante”, RFI precisa in una nota che “il contraente generale sta adeguando la consistenza della forza lavoro con l’avanzamento dell’opera. Ad oggi, le opere civili che restano da completare, dopo la riattivazione del collegamento con l’aeroporto e il completamento dello scavo della galleria tra Notarbartolo e De Gasperi, corrispondono a circa il 5% del totale dei lavori. Le opere rimanenti saranno in parte completate da SIS e in parte riappaltate, conclude RFI.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.