Palermo, scattano i licenziamenti per 216 dipendenti del passante ferroviario :ilSicilia.it
Palermo

proclamato lo stato di agitazione

Palermo, scattano i licenziamenti per 216 dipendenti del passante ferroviario

di
19 Ottobre 2018

Oggi, venerdì 19 ottobre, dalle 7 alle 9, assemblea di protesta al cantiere della Sis di via Belgio a Palermo indetta da Fillea, Filca e Feneal. Si va verso la proclamazione dello stato di agitazione a seguito della comunicazione di avvio delle procedure di licenziamento da fine ottobre, per tutti i 216 dipendenti, in modo graduale, fino al 31 gennaio 2019.

“Il 31 gennaio è infatti il termine ultimo in cui scadono gli accordi intercorsi tra Rfi e Sis. Con la fine dei lavori, le opere incomplete saranno diverse: la realizzazione delle stazioni Belgio, Imera, Lazio, Capaci, gli impianti tecnologici, il binario nella galleria di via Notarbartolo e 60 metri di galleria in vicolo Bernava. Rimangono altri due anni di lavori per completare il passante ferroviario – dichiarano Fillea, Filca e Feneal – Rfi e Sis entro il 31 gennaio ultimeranno quanto è già stato concordato”.

Sequestro, vicolo Bernava
Sequestro, vicolo Bernava

Dopo 10 anni, il cantiere che collega la stazione centrale con l’aeroporto rimarrà per lunghi tratti a unico binario, con i treni che si fermeranno quando si incrociano e un tempo di percorrenza dalla stazione all’aeroporto di 57 minuti. Il doppio binario infatti è incompleto nella tratta che va dalla stazione Orleans a Notarbartolo”.

I sindacati chiedono di incontrare l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e Rfi a un tavolo in Prefettura.

“In merito alle proteste annunciate da parte dei sindacati per i lavori del passante”, RFI precisa in una nota che “il contraente generale sta adeguando la consistenza della forza lavoro con l’avanzamento dell’opera. Ad oggi, le opere civili che restano da completare, dopo la riattivazione del collegamento con l’aeroporto e il completamento dello scavo della galleria tra Notarbartolo e De Gasperi, corrispondono a circa il 5% del totale dei lavori. Le opere rimanenti saranno in parte completate da SIS e in parte riappaltate, conclude RFI.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.