Palermo, scherma: Bebe Vio non delude le attese. Ecco i risultati | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

SECONDO GIORNO DI GARE

Palermo, scherma: Bebe Vio non delude le attese. Ecco i risultati | FOTO

di
8 Giugno 2019

 

Guarda in alto le foto

Si è conclusa la seconda giornata di gare della centesima edizione dei campionati italiani di scherma. Sulla pedana di piazza Bellini, sono iniziate le finali del torneo paralimpico, le quali hanno visto in campo anche il palermitano William Russo, sconfitto in finale dal livornese Martino Serravalli.

L’incontro, valevole per il titolo di fioretto maschile categoria C, è stato equilibrato fino alla fine della seconda ripresa, dove Serravalli ha piazzato un paio di stoccate decisive. Il livornese ha tenuto a ringraziare la città di Palermo e l’avversario, nonché amico, per l’ospitalità ricevuta in questi giorni.

Nella categoria A di fioretto maschile, Emanuele Lambertini ha battuto in finale Matteo Betti con il punteggio di 15-12, mentre nella categoria B si è imposto Marco Cima, atleta delle Fiamme oro, battendo Gianmarco Paolucci per 15-3

Le finali della seconda giornata di scherma hanno visto in campo anche le tiratrici femminili. Bebe Vio non delude le attese, conquistando il titolo italiano di fioretto femminile categoria B. La campionessa italiana ha battuto Julia Markowska senza subire alcuna stoccata, dimostrando così il suo dominio all’interno della categoria. La torinese Consuelo Roma si aggiudica la medaglia d’oro nella categoria C, mentre Andrea Mogos delle Fiamme Oro vince il torneo di fioretto femminile categoria A.

Al calare delle prime luci della sera, sono iniziate le gare a squadre di scherma, in particolare di fioretto maschile, spada maschile e sciabola femminile.

Sul fronte della sciabola femminile, le Fiamme Oro hanno battuto la rappresentativa dell’Esercito con il punteggio di 45-28. Arriva quindi il secondo titolo italiano in questo torneo per Sofia Ciaraglia, vera trascinatrice della squadra, composta da Eloisa Passaro e Flaminia Prearo. Le portacolori dell’Esercito, ovvero Martina Criscio, Caterina Navarria, Chiara Mormile e Benedetta Baldini hanno provato a rimanere in partita, ma i parziali della Ciaraglia si sono rivelati decisivi nell’economia del match.

Per il fioretto maschile, la finale è stata quella tra la squadra delle Fiamme Gialle, composta dal quartetto composto da Valerio Aspromonte, Giorgio Avola, Daniele Garozzo, Guillaume Bianchi, e quella delle Fiamme Oro, con Francesco Ingargiola, Edoardo Luperi, Tommaso Marini e Filippo Macchi.  I finanzieri hanno portato a casa il titolo vincendo una finale molto sofferta per 43-41. Nell’ultimo assalto, il campione under 20, Tommaso Marini, ha messo a dura prova il plurimedagliato olimpico Daniele Garozzo, colpito durante l’assalto da ben due cartellini rossi. Marini riesce a recuperare un passivo di otto stoccate ma, a pochi secondi dalla fine, subisce due stoccate decisive da Garozzo che salva così il titolo a squadre.

Nella spada maschile, invece, la sfida per il titolo di serie A1 ha visto il successo del quartetto delle Fiamme Oro, formato da Davide Di Veroli, Andrea Santarelli, Valerio Cuomo, Gianpaolo Buzzacchino. E’ stato proprio il neo poliziotto Davide Di Veroli a piazzare nel minuto supplementare la stoccata del 44-43 nella finale contro l’Aeronautica Militare in pedana col quartetto composto da Paolo Pizzo, Matteo Tagliariol, Andrea Vallosio ed Antongiulio Stella.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin