Palermo, scherma: il campionato italiano ai nastri di partenza | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

CENTESIMA EDIZIONE IN CORSO

Palermo, scherma: il campionato italiano ai nastri di partenza | FOTO

di
7 Giugno 2019
Cassarà vs Foconi

Scorri le foto in alto

Si è aperto il sipario sulla centesima edizione dei Campionati Assoluti di Scherma, in corso fino al 9 giugno a Palermo. La fase eliminatoria del torneo avrà luogo all’interno del PalaMangano, mentre le semifinali e le finali si svolgeranno nella suggestiva cornice offerta da piazza Bellini.

Nella prima giornata di gare si sono svolte le finali di fioretto e spada maschile individuale, mentre sul fronte femminile si è concluso il torneo di sciabola individuale. Grande presenza di pubblico per le finali in piazza Bellini, attratto dall’unicità dell’evento schermistico, raramente ambientato in un palcoscenico outdoor.

La prima finale è stata quella di fioretto maschile, la quale ha visto protagonisti due grandi nomi della scherma italiana ed internazionale, ovvero il plurimedagliato olimpico Andrea Cassarà e il campione del mondo in carica Alessio Foconi. La sfida è stata molto avvicente e tirata fino all’ultima stoccata, la quale ha visto prevalare Cassarà 15-14, con una splendida parata e risposta su Foconi. Il fiorettista bresciano, classe ’84, conquista il titolo italiano e conferma la sua buona stella in terra siciliana, visto il suo oro individuale conseguito nel campionato mondiale del 2011 a Catania.

Successivamente si è svolta la finale di spada maschile, la quale ha visto in pedana la sfida inedita fra due nuovi nomi della scherma italiana, Daniel De Nola ed Andrea Russo. La sfida si avvia in maniera molto tattica, con i due schermidori più portati ad una strategia attendista, senza scoprirsi troppo. Il risultato è che le tre riprese non bastano e si va al minuto supplementari, dove il sorteggio da la priorità a De Nola, costringendo Russo agli straordinari. Lo spadista del Club Scherma Formia non vacilla e piazza la stoccata vincente che gli vale l’oro.

Sul fronte della sciabola femminile, tutto facile in semifinale per la livornese Irene Vecchi e la romana Sofia Ciaraglia, le quali sconfiggono facilmente le proprie avversarie e si ritrovano a scontrarsi nel match di chiusura della prima giornata del campionato di scherma. La romana sceglie l’attacco come strategia, mentre la Vecchi sfrutta la sua esperienza per colpire di rimessa l’avversaria. Ne risulta un match molto equilibrato, con un punteggio molto serrato. Sul punteggio di 14 pari, grande scambio di colpi fra le due atlete che, dopo un paio di simultanee, rompono gli indugi. Ne esce vincente Sofia Ciaraglia, la quale conquista l’oro nella sciabola femminile.

Oggi seconda giornata di gare, che vedrà anche la partenza del torneo paralimpico.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin