Palermo-Sciacca: arrivano gli "scout speed", gli autovelox invisibili | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Attenzione alle multe

Palermo-Sciacca: arrivano gli “scout speed”, gli autovelox invisibili | VIDEO

di
28 Marzo 2018

Dal 4 aprile ci saranno gli “scout speed” sulla strada statale 624 Palermo-Sciacca per contrastare gli eccessi di velocità ed evitare incidenti. Inizialmente saranno installati nel tratto tra gli svincoli di Piana degli Albanesi e San Cipirello.

Il nuovo provvedimento è stato disposto con decreto prefettizio e recepito dal comune di San Giuseppe Jato“Le limitazioni – scrivono i vigili urbani nel calendario con cui vengono programmati controlli fino a fine maggio – non sono frutto di una ingiustificata severità, ma dettate dai reali pericoli che la mobilità e la velocità nascondono. La responsabilità è individuale, non della collettività”.

Ma cosa sarebbe questo “scout speed”?  Si tratta di un autovelox “invisibile“, nel senso che non sono previsti obblighi di segnalazione preventiva nei confronti degli automobilisti, che pertanto non troveranno alcun cartello di segnalazione ai margini della strada, con cui li si avverte della possibilità di controllo elettronico della velocità. Lo scout speed è l’ultimo ritrovato in campo di autovelox che viene nascosto dentro un’auto della polizia in movimento, e quindi del tutto invisibili e imprevedibili.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.