Palermo, scoperte armi e droga in tre operazioni: 6 gli arresti :ilSicilia.it
Palermo

la scoperta

Palermo, scoperte armi e droga in tre operazioni: 6 gli arresti

di
26 Gennaio 2022

Tre distinte operazioni dei carabinieri in diversi quartieri di Palermo hanno portato all’arresto di sei persone per detenzione di armi o detenzione di stupefacenti. Nella prima i militari della stazione di Partanna Mondello hanno arrestato, due uomini di 27 e 63 anni e una donna di 42, tutti palermitani, con l’accusa di detenzione di arma da guerra e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Nel corso di una perquisizione domiciliare gli investigatori hanno sequestrato una pistola, con matricola abrasa, completa di 2 caricatori e 24 munizioni. Inoltre, nascosto tra i mobili, è stato trovato un chilo e 200 grammi di marijuana già suddivisa in dosi e 2 bilancini di precisione, oltre a materiale utile al confezionamento.

L’arma ed il munizionamento saranno inviate al Ris di Messina per le analisi balistiche e per verificare se siano state impiegate per commettere delitti. In un’altra circostanza, i militari della stazione carabinieri di San Filippo Neri allo Zen hanno arrestato un 37enne e un 22enne, entrambi palermitani, che avevano poco prima passato una dose ad un acquirente. I militari nel corso di una perquisizione hanno trovato quasi 100 dosi tra cocaina, hashish e marijuana.

Gli arrestati si trovano adesso presso le rispettive abitazioni, in regime di arresti domiciliari. Grazie al fiuto del cane antidroga “Ron”, del Nucleo Cinofili di Palermo Villagrazia, i militari della stazione carabinieri Falde hanno infine arrestato un 52enne trovato in possesso di quasi 50 grammi di hashish. Gli arresti sono stati convalidati dal giudice. Tutta la droga sequestrata verrà esaminata dal laboratorio analisi sostanze stupefacenti del comando provinciale carabinieri di Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.