23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33
Palermo

Richiesto un chiarimento sull'adeguamento statutario

Palermo. Scricchiola la maggioranza di Orlando, sulle poltrone delle società partecipate

12 Aprile 2018

Una richiesta di chiarimenti sull’emendamento, approvato dal Consiglio comunale in occasione dell’adeguamento statutario delle società partecipate, che introduce modalità e criteri di nomina del direttore generale delle aziende comunali, stamattina è stata inviata al Segretario Generale dai consiglieri Giusto Catania, Barbara Evola, Katia Orlando, Marcello Susinno (Sinistra Comune), da Valentina Chinnici, Paolo Caracausi (Mov139) e da Massimiliano Giaconia (Palermo 2022).

L’emendamento introduce in modo improprio, nello statuto delle società, le modalità per il reclutamento del direttore generale, che devono invece rispondere esclusivamente alle disposizioni di legge” dichiarano i sette consiglieri di maggioranza che non hanno votato l’emendamento.

Secondo i consiglieri “I criteri indicati dall’emendamento, inoltre, non soddisferebbero i principi di trasparenza, imparzialità e pubblicità cui rimanda la normativa specifica sul tema.

Nella nota si sottolinea, infine, la necessità che il segretario generale ponga in essere in tempi brevi misure correttive a tutela degli organi societari e del Consiglio comunale”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.