Palermo. Scricchiola la maggioranza di Orlando, sulle poltrone delle società partecipate :ilSicilia.it
Palermo

Richiesto un chiarimento sull'adeguamento statutario

Palermo. Scricchiola la maggioranza di Orlando, sulle poltrone delle società partecipate

di
12 Aprile 2018

Una richiesta di chiarimenti sull’emendamento, approvato dal Consiglio comunale in occasione dell’adeguamento statutario delle società partecipate, che introduce modalità e criteri di nomina del direttore generale delle aziende comunali, stamattina è stata inviata al Segretario Generale dai consiglieri Giusto Catania, Barbara Evola, Katia Orlando, Marcello Susinno (Sinistra Comune), da Valentina Chinnici, Paolo Caracausi (Mov139) e da Massimiliano Giaconia (Palermo 2022).

L’emendamento introduce in modo improprio, nello statuto delle società, le modalità per il reclutamento del direttore generale, che devono invece rispondere esclusivamente alle disposizioni di legge” dichiarano i sette consiglieri di maggioranza che non hanno votato l’emendamento.

Secondo i consiglieri “I criteri indicati dall’emendamento, inoltre, non soddisferebbero i principi di trasparenza, imparzialità e pubblicità cui rimanda la normativa specifica sul tema.

Nella nota si sottolinea, infine, la necessità che il segretario generale ponga in essere in tempi brevi misure correttive a tutela degli organi societari e del Consiglio comunale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.