Palermo: Segregava moglie e figlia in casa, fermato trentaduenne :ilSicilia.it
Palermo

IL NIGERIANO SI TROVA ORA IN CARCERE

Palermo: Segregava moglie e figlia in casa, fermato trentaduenne

di
7 Agosto 2019

La polizia di Stato di Palermo ha fermato Eugene Nwafor, 32 anni, nigeriano, accusato di sequestro di persona, maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia e lesioni personali aggravate dalla presenza di minore.

La donna, che vive in via Oreto, di recente era stata ospitata in un centro d’accoglienza per mamme con figli minori del sud Italia. Strappata a un passato di sfruttamento e prostituzione, si era fatta convincere dal suo convivente a seguirlo a Palermo.

Colpita per l’ennesima volta con calci e pugni dall’uomo, che la minacciava con un coltello, la donna ha usato un altro telefono per mandare due messaggi a un operatore del centro di accoglienza dove era stata ospitata in precedenza, corredata da selfie in cui si era ritratta con il volto tumefatto ed la maglia insanguinata.

L’operatore ha chiamato la polizia. Sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno aperto la porta: il suo convivente l’aveva chiusa a chiave in casa. L’uomo, tornato nella sua abitazione, è stato bloccato dagli agenti della squadra mobile. Eugene Nwafor, su provvedimento di fermo firmato dal pm Alessia Sinatra, è stato portato nel carcere di Pagliarelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.