Palermo: Segregava moglie e figlia in casa, fermato trentaduenne :ilSicilia.it
Palermo

IL NIGERIANO SI TROVA ORA IN CARCERE

Palermo: Segregava moglie e figlia in casa, fermato trentaduenne

7 Agosto 2019

La polizia di Stato di Palermo ha fermato Eugene Nwafor, 32 anni, nigeriano, accusato di sequestro di persona, maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia e lesioni personali aggravate dalla presenza di minore.

La donna, che vive in via Oreto, di recente era stata ospitata in un centro d’accoglienza per mamme con figli minori del sud Italia. Strappata a un passato di sfruttamento e prostituzione, si era fatta convincere dal suo convivente a seguirlo a Palermo.

Colpita per l’ennesima volta con calci e pugni dall’uomo, che la minacciava con un coltello, la donna ha usato un altro telefono per mandare due messaggi a un operatore del centro di accoglienza dove era stata ospitata in precedenza, corredata da selfie in cui si era ritratta con il volto tumefatto ed la maglia insanguinata.

L’operatore ha chiamato la polizia. Sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno aperto la porta: il suo convivente l’aveva chiusa a chiave in casa. L’uomo, tornato nella sua abitazione, è stato bloccato dagli agenti della squadra mobile. Eugene Nwafor, su provvedimento di fermo firmato dal pm Alessia Sinatra, è stato portato nel carcere di Pagliarelli.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.