Palermo, si insedia la nuova Giunta, Orlando: "Obiettivo promuovere il cambio culturale" | Videointervista :ilSicilia.it
Palermo

Il giuramento a palazzo delle aquile

Si è insediata la “nuova Giunta Orlando” | Videointervista

di
13 Marzo 2019

Guarda la video intervista in alto

Oggi nasce ufficialmente la nuova Giunta comunale che ha oltre 3 anni di lavoro da affrontare per continuare a valorizzare quanto fatto dalla precedente giunta“, con queste parole il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha salutato i sei nuovi assessori che compongono la nuova giunta del Comune di Palermo e che hanno prestato giuramento a Palazzo delle Aquile.

Vogliamo promuovere un cambio culturale“, ha continuato, Leoluca Orlando, “Non esiste una sola città d’Europa cambiata culturalmente così tanto in questi ultimi 40 anni come Palermo – sottolinea Orlando -. Il vero termometro del cambiamento di questa città sarà la vita economica e produttiva. Abbiamo grande fiducia nel Consiglio comunale che dovrà rendere concreto il nostro programma. Non è una Giunta partitica ma è un salto in avanti. Siamo andati oltre e i partiti l’hanno capito e per questo ringrazio i gruppi consiliari della maggioranza che hanno condiviso questa scelta“.

Il nostro obiettivo è Palermo Mediterranea 2030 – aggiunge il sindaco Leoluca Orlando -. Ho invitato una trentina di imprenditori per partecipare allo sviluppo economico della città durante la campagna elettorale. Dopo la mia elezione abbiamo elaborato un report, che presenteremo presto, pensato dal punto di vista delle imprese, messo in collegamento con città come Barcellona, Amsterdam, Helsinki“.

Al sindaco, Leoluca Orlando, i settori Turismo, sport, Gesap, avvocatura Comunale. Al vicesindaco, Fabio Giambrone, le deleghe a Personale, Polizia Municipale, Decoro urbano (Coime, Reset, Verde, Cantiere municipale), Sispi e innovazione, Comunicazione.

Torna in giunta Giusto Catania (Sinistra Comune) che si occuperà di Piano regolatore, Ambiente, Mobilità, pedonalizzazioni, rapporti funzionali con Rap e Amat.

A Roberto D’Agostino le deleghe a Bilancio, Patrimonio, Servizi cimiteriali. Adham Darawsha ha le deleghe a Culture, Partecipazione, Consulte.

Riconfermati Giovanna Marano e Giuseppe Mattina, la prima con deleghe su Scuola e Lavoro, mentre Mattina è l’assessore alle Politiche di cittadinanza, Minori, Anagrafe e Stato civile; Leopoldo Piampiano (in quota Sicilia Futura) ha deleghe su Attività produttive, Canile.

Maria Prestigiacomo si occuperà di Lavori pubblici e rigenerazione urbana, Rapporti funzionali con Amap e Amg.

Alla cerimonia di insediamento il sindaco ha ringraziato gli assessori uscenti: Andrea Cusumano (Cultura), Iolanda Riolo (Innovazione e Mobilità), Gaspare Nicotri (organizzazione del personale) e Antonio Gentile (Bilancio) che hanno lasciato l’incarico per motivi personali o professionali e Sergio Marino (Sviluppo economico e vivibilità, società partecipate) ed Emilio Arcuri, (Rigenerazione urbanistica) che si sono dimessi “per scelta politica, cogliendo le esigenze della città“.

 

LEGGI ANCHE:

Orlando rivoluziona la Giunta: ecco i nuovi assessori di Palermo | Video

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.