Palermo, sindacati del teatro Massimo in sciopero: "Chiediamo stabilizzazione per i precari" :ilSicilia.it
Palermo

La reazione dei precari

Palermo, sindacati del teatro Massimo in sciopero: “Chiediamo stabilizzazione per i precari”

di
18 Luglio 2021

I sindacati del Teatro Massimo di Palermo continuano nel manifestare il proprio dissenso contro la mancata stabilizzazione dei precari della Fondazione. Stasera, in occasione della prima de “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi, in programma al Teatro di Verdura alle 21.15, i sindacati hanno proclamato lo sciopero che prevede l’inizio dello spettacolo con 30 minuti di ritardo.

Questa scelta è dettata dall’esigenza di esprimere il dissenso nei confronti di una direzione che, in maniera unilaterale, ha deciso di proporre una dotazione organica di 338 unità. I lavoratori della Fondazione e i sindacati che li rappresentano non accetteranno mai che parte dei loro colleghi altamente specializzati restino fuori dal progetto della Fondazione, il quale appare più contenitivo che di sviluppo, disegnando un futuro senza rilancio e con poche ambizioni, ritenendo che un teatro prestigioso quale il Teatro Massimo, per avere una produzione di qualità necessita di almeno 380 unità di maestranze artistiche, tecniche e amministrative”, spiegano la Fistel-Cisl, la Uil Com e la Fials di Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro