26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Palermo

La struttura dovrebbe ospitare circa 400 migranti

Palermo, sit-in allo Zen per dire no all’hot-spot per migranti. Figuccia: “Una bomba sociale”| VIDEO

21 Maggio 2018

 

Si mobilita il fronte della politica contro la realizzazione dell’hot-spot allo Zen, che dovrebbe ospitare circa 400 migranti, e che viene definito una “bomba sociale” visto il contesto già complicato in cui si andrebbe ad inserire. Il timore più diffuso, anche tra i residenti, come è possibile vedere dal video, è il rischio di andare ad alimentare ulteriormente la criminalità rendendo più difficile la vivibilità all’interno del quartiere.

La struttura dovrebbe rimanere presente per due anni, ma in molti temono che vada a finire come per il campo Rom presente dentro il Parco della Favorita, e per il quale, da tempo, i residenti e le associazioni chiedono il trasferimento degli occupanti in un contesto più idoneo.

Riguardo l’hot-spot una manifestazione di protesta si è tenuta di pomeriggio alle 17, tra via Patti e via Lanza di Scalea, proprio all’ingresso di Fondo San Gabriele “per manifestare contro la costruzione del più grande lager da realizzare in Sicilia – ha affermato il deputato regionale Vincenzo FigucciaIl luogo scelto per realizzare un hot-spot per migranti è lo Zen. Praticamente vogliono sperimentare un laboratorio urbano da far esplodere, creando un luogo-ghetto di disagio e marginalità sociale. Aiutatemi a dire No“.

A prendere parte al sit-in il consigliere comunale Sabrina Figuccia, secondo cui l’hot-spot dovrebbe essere realizzato “in un’area di quasi 50 mila metri quadrati, trasferiti al Comune di Palermo a seguito di confisca. L’intera area destinata a verde storico ha un vincolo per la creazione di impianti sportivi ed è proprio in questo che il Sindaco dovrebbe impegnarsi, invece, di creare un nuovo ghetto che peggiorerebbe le già complesse condizioni del territorio. Personalmente immagino un centro per giovani e non solo, con attività sportive e culturali.

Per questo sarò al fianco dei residenti – continua Figuccia – insieme a storici, tecnici e personale sanitario per dimostrare che chi protesta contro la realizzazione di questo hotspot, costituito da tendostrutture e moduli prefabbricati, ha ragione su tutti i fronti. Non si possono più mascherare interessi e finto progressismo dietro il naturale spirito di accoglienza che contraddistingue noi palermitani. Anche il campo rom della Favorita doveva essere una soluzione temporanea e invece sappiamo tutti cosa è accaduto“.

Sulla vicenda è intervenuta anche Nadia Spallitta, esponente della sinistra di Palermo, già vice presidente vicaria del Consiglio comunale: “La realizzazione di un Hot-spot a Palermo non si addice ad una città dell’accoglienza, al mosaico, parola tanto amata dal nostra sindaco Leoluca Orlando, delle tante diversità che ci caratterizzano.

Un progetto che non si addice ad una città Capitale della cultura – commenta – Credo che il gruppo consigliare Sinistra Comune debba uscire da quello che, a mio avviso, è un ambiguo sostegno ad un’Amministrazione comunale a conduzione ‘renziana’. Questo gruppo consiliare – conclude Nadia Spallitta – dovrebbe prendere le distanze da scelte che contrastano con i principi di solidarietà sociale della sinistra e iniziare, da questo momento, una sana e costruttiva opposizione. Ciò servirebbe a garantire una maggiore trasparenza e democrazia alle scelte che riguardano la città“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.