Palermo, sospetto caso di coronavirus al call center Almaviva di via Cordova | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

lo ha comunicato la stessa azienda

Palermo, sospetto caso di coronavirus al call center Almaviva di via Cordova

di
15 Marzo 2020

Ci sarebbe una persona contagiata da coronavirus al call center Almaviva di via Cordova. La direzione aziendale ha informato di essere venuta a conoscenza di un possibile caso di contagio da Covid 19 di un lavoratore che opera nella sede palermitana che fa angolo con la via Libertà, che risulta assente dal servizio dallo scorso 5 marzo.

L’azienda ha immediatamente contattato le autorità sanitarie competenti per le corrette indicazioni sulle azioni e la conseguente adozione delle azioni prescritte. Contestualmente, ha già attivato un intervento straordinario di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro da realizzare immediatamente.

“L’azienda  – si legge in una nota -garantirà il costante aggiornamento delle informazioni, mantenendo continuo contatto con le rappresentanze dei lavoratori, in base alle indicazioni ricevute dalle autorità sanitarie, confermando le decisioni già comunicate in ordine alla messa in sicurezza di tutte le persone impegnate in servizio e alle modalità di lavoro, attraverso remotizzazione con la collaborazione dei clienti, necessarie ad assicurare assoluti livelli di protezione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.