20 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.53
Palermo

Ad affermarlo i dirigenti della municipalizzata

Palermo, strade asfaltate ogni 22 anni: lo prevede il contratto Rap

6 Maggio 2018

 

PALERMO – La Rap alza “bandiera bianca” su strade e marciapiedi, infatti, durante la seduta del consiglio comunale, i vertici della municipalizzata hanno fatto emergere che “con il budget attuale si può asfaltare una strada ogni 22 anni“.

udcMa dove finiscono i soldi dei contribuenti? si chiede Sabrina Figuccia, consigliere comunale Udc, che dice: “non si può continuare ad assistere a continui rinvii di responsabilità”.

Secondo l’attuale contratto di servizio, infatti, pare sia previsto che le strade vengano asfaltate ogni 22 anni, mentre una sorte decisamente peggiore tocca ai marciapiedi, che stando a quanto relazionato in Aula verrebbero manutenzionati ogni 70 anni.

Ma ciò non basta – aggiunge il consigliere –  perché ad aggravare la situazione, viste le scarse maestranze, distratte attualmente per l’avvio del secondo step della raccolta differenziata, la Rap riesce a portare a termine poco più della metà di quanto previsto dal contratto.

palermoNumeri decisamente deprimenti -continua Sabrina Figucciama per una volta assolutamente in linea con la città reale. Quella in cui ogni giorno i cittadini continuano a pagare tasse molto onerose, come l’Imu e la Tari.

La domanda a questo punto sorge spontanea, se per ammissione degli stessi vertici Rap le strade e i marciapiedi della nostra città vengono manutenzionati con tempi che definirei biblici, allora dove finiscono i soldi dei cittadini? E perché gli stessi dovrebbero ancora continuare a pagare per servizi non resi e soprattutto non previsti neppure dal contratto di servizio?

Queste sono  alcune delle domande che il consigliere comunale ha espresso ai vertici Rap presenti durante la seduta e che saranno oggetto “di una precisa richiesta finalizzata ad una riduzione delle tasse comunali per tutti i cittadini” conclude la Figuccia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.