Palermo. Strade sventrate pericolose: le associazioni diffidano il Comune :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia dei cittadini

Palermo. Strade sventrate pericolose: le associazioni diffidano il Comune

3 Marzo 2018

Il comune di Palermo, in quest’ultimo periodo, sta collezionando una serie di diffide da parte delle associazioni che si muovono sul territorio segnalando i disastri che vi sono in città.

Le diffide questa volta riguardano: una il ripristino delle strade dissestate o deformate e l’altra sempre il ripristino delle strade ma per i lavori dell’open fiber.

La necessità di questa azione nasce, dichiarano le associazioni e i residenti che hanno firmato: ”dal pericolo per i cittadini, che scaturisce dalle strade sventrate, che siano pedoni, motociclisti, automobilisti. Finora, purtroppo, da parte del Comune abbiamo potuto constatare solo un totale disinteresse per l’incolumità di tutti, considerato che abbiamo più volte sollecitato gli enti competenti affinché prendessero gli opportuni provvedimenti”.

palermoNello specifico dal documento relativo l’accordo tra il comune di Palermo e Enel open fiber,  vi sono tutti i punti che tracciano le norme per la tutela dell’incolumità del cittadino, cercando di creare meno disagi possibili, peccato però, dicono le associazioni che ”non vi sia nessuno a vigilare affinché venga rispettato questo accordo, e i cittadini vivono disagi quotidiani che, il più delle volte, mettono a rischio la loro salute”.

 

diffida-per-lavori-open-fiber

diffida-strade-dissestate-o-deformate

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona