Palermo: studente spruzza spray al peperoncino in classe, denunciato :ilSicilia.it
Palermo

L'intervento dei carabinieri

Palermo: studente spruzza spray al peperoncino in classe, denunciato

10 Dicembre 2019

Momenti di panico in una scuola professionale di Palermo, dove uno studente ha spruzzato dello spray al peperoncino in classe durante l’orario di lezione. È accaduto all’InfaopIstituto Nazionale Formazione Addestramento Orientamento Professionale.

Sul posto sono giunti i carabinieri che hanno identificato e denunciato il responsabile.

Il direttore dell’Istituto, Gabriele Albergoni, fa sapere che “una volta prestati i primi soccorsi e chiamato il 118, sono state allertate le forze  dell’ordine per individuare i responsabili, verso i quali saranno presi gli opportuni provvedimenti disciplinari. Fortunatamente, dopo i primi attimi di allerta, per gli alunni coinvolti non si sono registrate necessità di ricovero e le lezioni sono riprese regolarmente”.

INFAOP“Condanniamo fermamente il fatto accaduto, che non trova giustificazione goliardica né di incoscienza – aggiunge il direttore -. Non possiamo dimenticare i fatti di Corinaldo, tragedia in cui morirono 6 persone, di cui 5 giovani, proprio a seguito del panico scatenato dall’uso di uno spray al peperoncino. Per fortuna nel nostro caso i momenti di paura sono stati tempestivamente contenuti dal corpo docente, che ha riportato la calma e chiamato i soccorsi. La scuola deve essere un presidio di legalità ed espressione di senso civico. Quanto accaduto sarà oggetto di riflessione per tutti i nostri studenti al fine di trarne insegnamento.Nessuna educazione si esercita se la vita degli studenti si sottrae ai principi elementari della legalità”.

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.