13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11

i giovani chiedono un efficiente servizio mensa

Palermo, studenti di Scienze politiche occupano gli uffici dell’Ersu

25 Settembre 2018

Questa mattina un gruppo di studenti della facoltà di scienze politiche ha occupato gli uffici dell’Ersu, situati in viale delle scienze, all’Interno del pensionato Santi Romano.

L’azione di protesta di oggi degli studenti richiede alle istituzioni universitarie, ma anche al governo regionale, al presidente della regione Musumeci, all’assessore Lagalla, da cui dipende l’ente per il diritto dallo studio, un impegno rapido sulla vicenda dell’istituzione di un servizio mensa per gli studenti universitari nel centro storico di Palermo.

“Richiediamo – dichiara Alessandro Tagliarini – che vengano subito stanziati i fondi necessari a garantire il servizio mensa per gli studenti di Scienze Politiche. Vogliamo garantiti i diritti per cui paghiamo già troppi soldi e vogliamo che vengano tempestivamente trovate, per i 3 servizi attualmente assenti, soluzioni stabili e durature”.

“Chiediamo all’assessore alla formazione del governo regionale Roberto Lagalla – continua Annalisa Laudicella dell’assemblea degli studenti di scienze politiche in lotta – di convocare un tavolo di lavoro che coinvolga studenti, rettore, presidente dell’Ersu e il presidente del dipartimento di scienze politiche per trovare una soluzione condivisa ad un annoso problema che grava sulle tasche degli studenti che seguono le lezioni nel centro storico e delle loro famiglie. Un problema – continua Laudicella – che non riguarda soltanto Scienze Politiche ma anche Giurisprudenza”.

Dopo aver occupato i locali della propria facoltà, gli studenti di Scienze politiche hanno ottenuto una discussione con il direttore Ersu Ernesto Bruno che ha affermato l’attivazione del servizio mensa presso il pensionato santissima Annunziata a partire dalla prossima settimana. I posti a disposizione sarebbero non più di 50 a pasto, che sembra comunque un numero non sufficiente per coprire la necessità di tutti studenti. Inoltre, si sta  provvedendo ad una convenzione con il teatro Massimo per un sistema di prenotazione dei pasti take away.

Al termine dell’incontro, gli studenti si sono detti soddisfatti degli impegni presi che daranno una soluzione a breve tempo a questa vicenda che ormai si trascina da anni e che li ha visti sempre schierati in prima linea.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.