13 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.21
Palermo

l'affondo del consigliere comunale

Palermo, sul tavolo la questione Amat, Figuccia: “In consiglio comunale solo chiacchiere e pochi fatti”

13 Giugno 2019

Durante la seduta del consiglio comunale di Palermo di oggi, giovedì 13, si è discusso della questione Amat, la partecipata che si occupa del trasporto pubblico cittadino le cui casse, già da tempo, non godono di buona salute.

sabrina figuccia
Sabrina Figuccia

“”L’Amat è in ritardo di 30 o 40 anni” parola di Giusto Catania. E se a dirlo è l’assessore alla mobilità del Comune di Palermo, fido scudiero del sindaco Orlando, non possiamo che crederci“, afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale Udc, che prosegue: “Piani strategici, visioni prospettiche e futuristiche, strade tracciate e percorsi virtuosi. Belle parole, ma ciò che resta, è un piano di risanamento ritenuto dallo stesso settore partecipate del Comune di Palermo, socio unico dell’Amat, non attendibile, privo di elementi ragionevoli e non coerente. Insomma non vorremmo che mentre il medico studia il malato se ne va”.

In questo momento – continua Sabrina Figuccia – ci troviamo in una situazione paradossale in cui proprio il Comune chiede all’Amat di correre una maratona, dopo avergli tagliato le gambe e oggi non c’è più tempo di studiare”.

A chi invece, proprio dai banchi dell’opposizione, ha dichiarato in Aula di non vedere “nera” la situazione Amat, non posso che suggerire una visita oculistica o forse di prendere consapevolezza degli errori commessi quando insieme al sindaco, brindava al varo del tram ed alla fallimentare ztl” conclude la Figuccia.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.