Palermo, Susanna Camusso su scuola, università e impresa: "Inaccettabile il divario fra Nord e Sud" [Fotogallery e Video] :ilSicilia.it
Palermo

Per la leader della Cgil le prime infrastrutture di cui abbiamo bisogno sono le scuole e gli asili

Palermo, Susanna Camusso su scuola, università e impresa: “Inaccettabile il divario fra Nord e Sud” [Foto e Video]

di
28 Settembre 2017

L’istruzione e la formazione come leva dello sviluppo del Mezzogiorno d’Italia. E’questo il tema del convegno, organizzato dalla Federazione lavoratori della conoscenza della Cgil Sicilia, che si è tenuto stamattina a Palermo presso la Sala delle Capriate di Palazzo Steri, sede del rettorato dell’ateneo palermitano, e che ha visto, tra gli altri, la partecipazione della segretaria generale della Cgil Susanna Camusso.

I lavori si sono aperti con la relazione della segretaria generale della Flc Cgil Sicilia, Grazia Maria Pistorino, che ha fornito un’analisi impietosa della situazione in Sicilia e nel Meridione. “Abbiamo considerato centrale nella nostra elaborazione politica il tema della differenza tra Nord e Sud del Paese nell’esercizio dei diritti, istruzione, salute, lavoro … in sintesi l’esercizio del diritto alla cittadinanza”.

Per la sindacalista della Cgil è inaccettabile il crollo dell’offerta di dottorati negli atenei del Sud, il contemporaneo aumento della stessa nelle regioni settentrionali e la quasi inesistente offerta del tempo pieno. Quest’ultimo incide solo dell’8% sulla totalità del tempo scuola. Una percentuale nettamente inferiore alla media nazionale e drammaticamente lontana da quella del Nord che si attesta abbondantemente sopra il 40%. Fattori che hanno ricadute negative sulla dispersione scolastica e sulla disoccupazione giovanile.

Alla luce dei dati presentati Susanna Camusso, ha spiegato, che non a caso uno degli elementi cardine del Piano del lavoro su cui il sindacato si è confrontato con il governo è stato quello dell’istruzione, a partire dalle infrastrutture, perchè “le prime infrastrutture di cui ha bisogno il Paese non sono solo le strade, ma gli asili nido e le scuole per dare gli stessi diritti ai bambini del Nord e del Sud”.

Per la numero uno della Cgil è indispensabile che la ricerca diventi una priorità e che sia pubblica, un investimento massiccio e diffuso su tutto il territorio ed in ogni ambito, poichè il tempo da recuperare è tanto.

Se da un lato le istituzioni devono investire su formazione e innovazione, anche il sistema delle imprese deve fare lo stesso assumendo giovani e retribuendoli in modo adeguato. “Bisogna avere il coraggio di dire – sostiene Camusso – come si pensa di programmare lo sviluppo del Paese. Le infrastrutture e la ricerca sono due aspetti fondamentali. A questi va aggiunta la qualità del lavoro. Il caso Ryanair è emblematico, perchè rappresenta il fallimento di un modello fondato sullo sfruttamento dei piloti e del personale”.

L’ultima riforma della scuola – ha continuato – ha distrutto l’idea di comunità della scuola. La scuola non deve produrre robot, ma deve preparare i cittadini di domani. Anche le imprese devono investire sulla formazione dei dipendenti”. Inoltre, per Susanna Camusso, “c’è un problema di diritto allo studio perchè oggi la scuola è diventata costosa, una condizione che allarga le diseguaglianze. I trasporti e le mense fanno parte dei costi da sostenere per garantire questo diritto. Ecco perchè devono intervenire sia il livello regionale che nazionale”.

Infine, bisogna ripensare la formazione professionale “che non deve essere una scappatoia per quegli studenti che il percorso primario di istruzione non è riuscito a motivare”. Per la segretaria della Cgil deve essere un valore aggiunto, un percorso di qualità. Se non lo è i Neet continueranno a non studiare e a non lavorare.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.