Palermo, svolta per il Ponte Corleone: vince la gara la stessa ditta delle nuove linee tram :ilSicilia.it
Palermo

Ma il progetto potrebbe restare solo sulla carta. Ecco perché

Palermo, svolta per il Ponte Corleone: vince la gara la stessa ditta delle nuove linee tram

di
10 Novembre 2020

È finalmente arrivata una svolta per il bando di revisione del progetto di “Raddoppio del Ponte Corleone”, messo a gara dal Comune di Palermo nel febbraio 2019 (scadenza maggio 2019).

A fornire gli aggiornamenti ci ha pensato il nuovo Rup, l’Ing. Edoardo Intravaia, subentrato di recente all’Ing. Massimo Verga, andato in pensione: «Le sedute di gara sono terminate, si è verificata la congruità dell’offerta e si è proceduto all’aggiudicazione provvisoria. Non so ancora i dettagli (tipo quante buste sono pervenute) ma so che l’aggiudicazione provvisoria è in mano all’Ufficio contratti. Il vincitore provvisorio è un raggruppamento di imprese che include la ditta palermitana Cassata (la stessa che ha vinto la gara per la progettazione delle nuove linee del tram) insieme a un’impresa di Verona e una di Perugia».

Ing. Ruggero Cassata, tram
Ing. Ruggero Cassata

La gara per l’affidamento dell’incarico di progettazione e direzione lavori è stata affidata infatti al Raggruppamento Temporaneo di Professionisti composto da Technital S.p.A. di Verona (mandataria) RGM s.r.l. di Palermo (legale rappresentante Ing. Cassata, mandante) e RPA s.r.l. di Perugia (mandante). Gli stessi che hanno vinto il concorso di progettazione delle nuove linee tram, FASE 2.

Hanno “offerto un ribasso percentuale pari a 48,91% sull’importo a base di gara e una riduzione del tempo contrattuale di esecuzione, pari al 20%”. L’offerta “affetta da possibile anomalia”, è stata poi accolta dalla commissione di gara, dichiarandola vincitrice provvisoria.

Entro i prossimi 3 mesi si dovrebbe arrivare all’aggiudicazione definitiva. Ma riepiloghiamo il lunghissimo e tortuoso iter.

Petyx sul Ponte CorleoneI CONTINUI VALZER DEI RUP

Si sapeva quindi che Verga era prossimo alla quiescenza. “In teoria avrebbero potuto rimuovere Verga prima – spiega il neo RUP Intravaia – ma ciò non avrebbe velocizzato l’iter, anzi. Si sarebbe perso altro tempo per la conclusione della gara aperta». 

MA I FONDI RESTANO UN REBUS

Sulla questione della perdita dei fondi ex Agensud (11 milioni) sollevata dal MIT, il bando in questione (valore 1,1 milioni) riguarda la sola revisione del progetto (che è interamente coperto dal finanziamento del Patto per Palermo, FSC 5,3 milioni) quindi si può andare avanti.

Per i lavori veri e propri, invece (costo 17 milioni), il Comune avrebbe richiesto tramite il piano del Recovery Fund, un nuovo finanziamento.

Ma non è detto che venga concesso. Si potrebbe verificare il paradosso di avere un progetto nuovo sulle carte, ma non realizzabile per l’assenza di fondi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.