Palermo, svolta per Ponte Corleone, Ponte Oreto e via Perpignano: “Ok a convenzione con Anas“ :ilSicilia.it
Palermo

lo rende noto il deputato Varrica

Palermo, svolta per Ponte Corleone, Ponte Oreto e via Perpignano: “Ok a convenzione con Anas“

di
23 Febbraio 2021

Via libera per la convenzione tra ANAS, Provveditorato Opere Pubbliche e Comune di Palermo per interventi relativi al Ponte Corleone, al Ponte Oreto e allo Svincolo Perpignano. Lo annuncia il deputato nazionale del M5S Adriano Varrica che è stato il promotore di questo accordo, proponendolo e mettendo al tavolo le varie Amministrazioni lo scorso ottobre.

“Nelle scorse ore – spiega il deputato M5S – ho ricevuto la notizia dall’Amministratore delegato di ANAS del via libera per la firma della convenzione quadro con Provveditore opere pubbliche e Comune di Palermo per gli interventi sul Ponte Corleone, sul Ponte Oreto e sullo svincolo Perpignano. A fine 2020 avevamo già trovato l’intesa sul testo, ma purtroppo gli uffici del Comune erano intervenuti chiedendo delle modifiche che hanno imposto un’ulteriore valutazione da parte degli altri soggetti coinvolti. Ho appena informato il Sindaco e gli ho chiesto di convocare la Giunta per procedere alla sigla di questo importante atto che sbloccherà interventi prioritari per la città”.

Dato lo stato di queste infrastrutture è necessario un intervento tempestivo: “Ho scritto una nota a Provveditorato, ANAS e Comune – spiega il deputato Cinquestelle – affinché nei prossimi giorni venga riconvocato il tavolo tecnico per definire in pochissimo tempo gli accordi operativi sulla manutenzione del ponte Corleone, per la quale abbiamo già le risorse per le analisi approfondite, il monitoraggio e la progettazione, e per quella sul Ponte Oreto, dotata di integrale copertura finanziaria (circa 4 milioni di euro). La situazione di questi ponti non ci consente di perdere un solo istante“.

“Mi sento di ringraziare – conclude Varrica – il Provveditorato e Anas per lo spirito di servizio e la leale collaborazione istituzionale, come testimoniato dal risultato raggiunto. Sia chiaro che questa convenzione non comporta alcun disimpegno rispetto alla responsabilità su tali infrastrutture che resta in capo al Comune di Palermo che dovrà valutare e farsi carico di tutte le misure a tutela dell’incolumità pubblica”.

 

 

LEGGI ANCHE:

“Ponte Corleone a rischio, infiltrazioni d’acqua preoccupanti”: chiuderà a metà, caos in Viale Regione

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin