Palermo: taverna "fantasma" e blatte in una pizzeria, chiusi due locali :ilSicilia.it
Palermo

nel quartiere Oreto

Palermo: taverna “fantasma” e blatte in una pizzeria, chiusi due locali

di
10 Ottobre 2019

Gli agenti della polizia di Stato hanno multato i titolari di due esercizi nel quartiere Oreto, a Palermo, per un valore superiore a 11 mila euro. Le due attività sono state chiuse. I poliziotti si sono avvalsi della collaborazione di sanitari dell’Asp.

Nel primo caso, in via Buonriposo, è stata accertata l’esistenza di una taverna “fantasma”, le cui irregolarità hanno portato alla chiusura dell’esercizio. Sono stati elevati due verbali, rispettivamente di 5 mila e 3 mila euro, relativi alla mancanza di Scia Comunale e Sanitaria.

Invece, in una pizzeria di Corso dei Mille sono state rilevate gravi carenze igienico-sanitarie, quali presenze di blatte nel vano cucina, oltre alla mancanza di tracciabilità degli alimenti utilizzati ed il manuale di autocontrollo HACCP non compilato correttamente.

Tali irregolarità sono state sanzionate oltre che con due verbali, per un importo complessivo di 3.500 euro, anche con la sospensione immediata di tutte le attività di preparazione, cottura e vendita di alimenti e bevande, concedendo al titolare dell’esercizio, così come previsto dalla normativa di settore, un margine di 15 giorni per porre in essere tutte le necessarie misure atte ad eliminare le criticità riscontrate.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.