Palermo, Teatro Garibaldi: dopo Manifesta resta il vuoto di una città apatica :ilSicilia.it
Palermo

Poche proposte all'altezza della gestione

Palermo, Teatro Garibaldi: dopo Manifesta resta il vuoto di una città apatica

di
29 Gennaio 2019

Doccia fredda per quanti hanno creduto, o meglio sperato, nella possibilità di un passaggio di testimone, concreto e propositivo, del Teatro Garibaldi nelle mani di realtà culturali siciliane all’indomani della chiusura della biennale d’arte Manifesta, ospitata a Palermo nella sua dodicesima edizione.

Fino al 4 novembre, infatti, la manifestazione aveva il suo “quartier generale” proprio al Garibaldi, riaperto alla città circa due anni fa, in occasione dell’evento culturale di punta nell’anno di Palermo Capitale della Cultura.

manifesta garibaldi

Concesso dapprima per anni a Matteo Bavera, poi chiuso e restaurato, poi riaperto a singhiozzo e infine affidato a Manifesta, l’odissea del Garibaldi ancora oggi è tutt’altro che finita.

Chiusi i battenti artistici, constatato l’immediato e purtroppo non infondato stato di abbandono della struttura, in tipico stile siciliano, il Comune di Palermo ha indetto un bando per l’assegnazione dei locali.

Solamente quattro, alla faccia del risveglio culturale della città ci viene da pensare, sono state le proposte pervenute che, valutate, sono state ritenute non all’altezza per l’affidamento dei locali per un intero anno di attività, come da disposizione dell’assessore alla Cultura Andrea Cusumano.

L’unica soluzione che al momento è stata messa in atto, nel tentativo di non far chiudere ancora una volta il Teatro, è quella di lasciarne la gestione alla Fondazione Manifesta, organo che ha gestito l’evento a Palermo, diretta da Roberto Albergoni.

Un tentativo che, se da un lato, fa registrare la buona volontà di non soccombere all’ignavia di una Palermo che, a tratti, sembra essere ripiombata nell’apatia culturale ante 2018, dall’altro testimonia la mancanza di una crescita interna, all’indomani di un anno che avrebbe potuto fare la differenza in termini concreti. La domanda, comunque, è se la motivazione del nuovo affidamento alla Fondazione Manifesta sia soltanto questa o vi sia dell’altro. E inoltre, perchè non pubblicare un nuovo bando, se le proposte arrivate con il primo non erano all’altezza?

La Fondazione si impegnerà, in questi giorni, a stilare un calendario di appuntamenti che accoglieranno le singole proposte di artisti, associazioni e realtà locali; e a tal proposito giovedì 31 gennaio alle 17, al Garibaldi si terrà un incontro tra istituzioni e cittadinanza al fine di rendere concreta questa volontà. Sempre nei prossimi giorni verrà anche emanato un bando per affidare la gestione del bar attiguo al Teatro per renderlo un caffè letterario.

piazza magione manifesta

Ultima incognita, forse la più spinosa, è quella che riguarda la presenza e la gestione, che dovrebbe riguardare il Comune, del personale destinato alla custodia e alla manutenzione ordinaria dei locali.

In attesa di un futuro possibile per il Teatro Garibaldi, intanto, duole registrare l’amara realtà: la Kalsa, che fino a pochi giorni fa era considerata (con tanto di articoli su riviste patinate di mezzo mondo) il centro culturale della città, oggi, a riflettori spenti, rischia di ripiombare nel buio di sempre.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.