Palermo, traffico in tilt. Lega e Fratelli d'Italia all'attacco di Giusto Catania: "Si dimetta" :ilSicilia.it
Palermo

LE RICHIESTE DEI GRUPPI CONSILIARI

Palermo, traffico in tilt. Lega e Fratelli d’Italia all’attacco di Giusto Catania: “Si dimetta”

24 Dicembre 2019

In una nota inoltrata alla stampa e scritta congiuntamente, i gruppi consiliari di Lega e Fratelli d’Italia attaccano duramente l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania.

La situazione che si sta creando in città a livello di traffico è qualcosa di incredibile. Ci sono giunte centinaia di segnalazioni, di video e fotografie che dipingono una città completamente bloccata. Dalla Statua, al Politeama, da via Oreto a via Crispi. Carenza di mezzi pubblici, assoluta mancanza di parcheggi, pochi vigili urbani per strada insieme a mercatini natalizi, circhi ma soprattutto la chiusura di via Ruggero Settimo hanno definitivamente messo in ginocchio la città“.

I provvedimenti presi dal Sindaco Orlando e dall’assessore Catania sul traffico a Palermo sono contro l’articolo 16 della Costituzione, perché impediscono la libera circolazione ai cittadini palermitani. Raggiungere il centro è impossibile, parcheggiare ancora peggio. Non si può continuare con un assessore completamente avulso dai problemi della cittàaggiungono Gelarda, Scarpinato, Anello, Ficarra e Russo qui si continuano a fare atti senza sentire il consiglio comunale e i cittadini. Qui siamo al paradosso, queste sono persone che vivono nel regno di Oz, qualcuno li riporti a Palermo“.

E se paradossale è la nostra affermazione sull’anticostituzionalità dei provvedimenti, qui è chiaro che di fluido non c’è niente, altro che il traffico. Anche il passaggio della ZTL notturna è l’ennesimo atto di prepotenza istituzionale verso i cittadini e verso il consiglio comunale. Chiediamo le dimissioni di Giusto Catania, la sospensione provvedimento di via Ruggero Settimo e la creazione di in tavolo tecnico per il traffico in città“, concludono i due gruppi consiliari

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.