Palermo, trasferiti i pazienti dagli ospedali: "Facciamo posto ai positivi al Covid" :ilSicilia.it
Palermo

Lo comunica il sindacato Cimo

Palermo, trasferiti i pazienti dagli ospedali: “Facciamo posto ai positivi al Covid”

di
28 Ottobre 2020

A Palermo spostano reparti per dare posti a positivi Trasferimenti per pediatria Cervello e Neurochirurgia Civico. “Ce lo dicono da un po’ di tempo, ma ieri è al responsabile del reparto è stato comunicato che forse è questione di qualche giorno ma anche la nostra Neurochirurgia dell‘Arnas Civico, che si trova nel padiglione quattro, sarà trasferita in chirurgia vascolare nel padiglione sette”. Lo comunica Luisa Grippi, dirigente medico e segretario aziendale del sindacato Cimo.

“Passeremo da 32 posti letto a 13 e da due sale operatorie a una che potrà essere utilizzata in condivisione a giorni alterni – spiega Grippi ci saranno inevitabili disagi perché al piano terra del padiglione dove siamo, abbiamo anche la neuroradiologia interventistica fondamentale per il nostro reparto che ovviamente non potremo avere nel momento in cui saremo trasferiti. Sappiamo che ci dobbiamo dare da fare e sbracciarci e siamo pronti, lo facciamo – afferma Grippi – ma qua siamo di fronte a una mancata programmazione, quello che era il piano sull’apertura dei reparti Covid, nei vari ospedali, è rimasto lettera morta. Mancano medici e infermieri e va detto che se facciamo posti Covid leviamo posti a pazienti affetti da altre patologie”.

Ma la caccia ai posti per pazienti Covid positivi continua. Da ieri si sussegue un tourbillon di voci che prevede il trasferimento della pediatria dell’ospedale Cervello al quinto piano del padiglione geriatrico del presidio di Villa Sofia e di conseguenza l’urologia andrebbe al quarto piano.

“Ci arrivano queste notizie – dice Pucci Bonsignore, radiologo e segretario aziendale del sindacato Cimo a Villa Sofiain questo modo si dovrebbero recuperare una ventina di posti al ‘Cervello’, purtroppo, però, manca il personale sanitario, medici e infermieri, e la soluzione non possono essere i contratti co. co. co.”.

Bonsignore inoltre punta il dito anche sui tamponi rapidi: “Non sempre risultano efficaci, ci dicono che l’attendibilità è all’80 per cento, ma i falsi negativi sono numerosi, riteniamo che l’attendibilità sia del 50 per cento e tante volte facendo il tampone molecolare riscontriamo la positività. Questo ci crea non pochi problemi perchè bisogna stare molto attenti ed evitare che pazienti positivi possano circolare all’interno dei reparti”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin