Palermo: tre nuovi assessori in Giunta, ecco la "sardina" di Orlando :ilSicilia.it
Palermo

Paolo Petralia, figlio di Dino Petralia

Palermo: tre nuovi assessori in Giunta, ecco la “sardina” di Orlando

di
18 Febbraio 2020

Come aveva anticipato oggi ilSicilia.it, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha premuto sull’acceleratore sui nuovi innesti in Giunta. Il rimpasto è servito.

Delega allo “Sport, Turismo e rapporto con i Giovani” a Paolo Petralia, giovane di 26 anni laureato in Legge e neo iscritto al Pd, figlio dell’ex procuratore aggiunto di Palermo Dino Petralia.

orlando e arcuriConfermato il ritorno degli evergreen in Giunta: Rap, Reset e Verde a Sergio Marino, mentre il fedelissimo Emilio Arcuri si occuperà di Edilizia privata, Sispi e Innovazione.

Maria Prestigiacomo gestirà Manutenzioni, oltre che i rapporti con Amap e Amg. Giusto Catania, tiene ancora la delega alla Mobilità e Urbanistica e perde la Rap. Per il resto l’assetto resta invariato.

La nuova Giunta passa così da 8 a 11 assessori.

 

 

LEGGI ANCHE:

Orlando convoca la maggioranza, innesti in giunta. Una poltrona anche per le sardine

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.