Palermo: ultimi giorni di prove, poi tornerà il treno per Punta Raisi. In bilico vicolo Bernava :ilSicilia.it
Palermo

Il raddoppio del passante ferroviario

Palermo: ultimi giorni di prove, poi tornerà il treno per Punta Raisi. In bilico vicolo Bernava

di
1 Settembre 2018

Mentre procedono spedite le corse di prova dei treni lungo il nuovo tracciato del Passante ferroviario di Palermo (da Notarbartolo a Carini) in vista dell’imminente riapertura della linea per l’aeroporto di Punta Raisi dopo 3 anni di stop, i tecnici di Rfi sono a lavoro per dipanare l’intricata matassa relativa al “tappo” di vicolo Bernava.

Quei famosi 58 metri tra corso Olivuzza e il Tribunale da 6 anni (era il 10 giugno 2012 quando fu scoperto il fiume di acqua e fango nel sottosuolo) tengono sotto scacco l’intero appalto da 1,2 miliardi di euro. Una vera spina nel fianco per le Ferrovie e il consorzio Sis. L’impresa infatti, anche per questo “imprevisto geologico” e gli extra costi dell’appalto avviato nel 2008, ha chiesto oltre 100 milioni in più. Dopo il due di picche di Rfi, si è aperto un contenzioso (ancora attivo) tra le parti. Alla fine Sis ha deciso di gettare la spugna e non completare l’intero appalto.

Tanto che alcune parti del Passante dovranno essere riappaltate (VEDI QUI). Tra queste: i lavori relativi alle stazioni Kennedy-Capaci, Belgio e Lazio.

Incerto ancora il futuro per Vicolo Bernava. Rfi infatti vorrebbe strappare un accordo affinché la Sis prenda in carico la variante da 18 milioni e le relative demolizioni degli edifici. «Non c’è ancora l’accordo – rivelano dalle Ferrovie a ilSicilia.it – ma proprio a settembre è previsto un nuovo vertice con Sis per vicolo Bernava». Insomma, la situazione è ancora delicata.

L’obiettivo è evitare ulteriori perdite di tempo e far partire già dall’inizio del 2019 i lavori, con la demolizione degli edifici pericolanti e lo scavo della galleria. Qui in basso la mappa degli edifici da abbattere:

I lavori durerebbero 2 anni in tutto. Quindi entro 2021 potrebbe finire – il condizionale è d’obbligo – questa odissea. A fine lavori è prevista la creazione di un giardino al posto dei palazzi. Intanto quasi tutti i proprietari delle case sono stati indennizzati per l’esproprio.

Il mancato accordo con Sis darebbe una mazzata all’appalto. Comporterebbe infatti un ulteriore slittamento dei tempi (circa altri 2 anni) tra bando, aggiudicazione ed eventuali ricorsi. Una bella gatta da pelare.

passante-sferracavallo-drone-frame-tgrIntanto il 3 e 4 settembre sono previste delle corse di prova dei treni sulla Notarbartolo-Carini per finire i test sulla Tratta C. «Aspetteremo poi l’ok e le autorizzazioni del Ministero per aprire la linea. Noi, salvo intoppi burocratici – concludono da Rfi – speriamo di aprirla il 9 settembre». Si avvicina così l’inaugurazione.

Infine, sul fronte di scavo di via Belgio, si avvicina ormai l’arrivo della Talpa TBM “Marisol”, pronta a perforare l’ultimo diaframma della galleria. «Entro fine mese uscirà dal pozzo di estrazione». 

 

SCORRI LA FOTO-GALLERY IN BASSO:
Foto Giovanni Mic
Filippo Palazzo, RFI

 

LEGGI ANCHE

Passante ferroviario Palermo, via al collaudo: il 9 settembre torna il treno per l’aeroporto | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.