Palermo: ultimi giorni di prove, poi tornerà il treno per Punta Raisi. In bilico vicolo Bernava :ilSicilia.it
Palermo

Il raddoppio del passante ferroviario

Palermo: ultimi giorni di prove, poi tornerà il treno per Punta Raisi. In bilico vicolo Bernava

1 Settembre 2018

Mentre procedono spedite le corse di prova dei treni lungo il nuovo tracciato del Passante ferroviario di Palermo (da Notarbartolo a Carini) in vista dell’imminente riapertura della linea per l’aeroporto di Punta Raisi dopo 3 anni di stop, i tecnici di Rfi sono a lavoro per dipanare l’intricata matassa relativa al “tappo” di vicolo Bernava.

Quei famosi 58 metri tra corso Olivuzza e il Tribunale da 6 anni (era il 10 giugno 2012 quando fu scoperto il fiume di acqua e fango nel sottosuolo) tengono sotto scacco l’intero appalto da 1,2 miliardi di euro. Una vera spina nel fianco per le Ferrovie e il consorzio Sis. L’impresa infatti, anche per questo “imprevisto geologico” e gli extra costi dell’appalto avviato nel 2008, ha chiesto oltre 100 milioni in più. Dopo il due di picche di Rfi, si è aperto un contenzioso (ancora attivo) tra le parti. Alla fine Sis ha deciso di gettare la spugna e non completare l’intero appalto.

Tanto che alcune parti del Passante dovranno essere riappaltate (VEDI QUI). Tra queste: i lavori relativi alle stazioni Kennedy-Capaci, Belgio e Lazio.

Incerto ancora il futuro per Vicolo Bernava. Rfi infatti vorrebbe strappare un accordo affinché la Sis prenda in carico la variante da 18 milioni e le relative demolizioni degli edifici. «Non c’è ancora l’accordo – rivelano dalle Ferrovie a ilSicilia.it – ma proprio a settembre è previsto un nuovo vertice con Sis per vicolo Bernava». Insomma, la situazione è ancora delicata.

L’obiettivo è evitare ulteriori perdite di tempo e far partire già dall’inizio del 2019 i lavori, con la demolizione degli edifici pericolanti e lo scavo della galleria. Qui in basso la mappa degli edifici da abbattere:

I lavori durerebbero 2 anni in tutto. Quindi entro 2021 potrebbe finire – il condizionale è d’obbligo – questa odissea. A fine lavori è prevista la creazione di un giardino al posto dei palazzi. Intanto quasi tutti i proprietari delle case sono stati indennizzati per l’esproprio.

Il mancato accordo con Sis darebbe una mazzata all’appalto. Comporterebbe infatti un ulteriore slittamento dei tempi (circa altri 2 anni) tra bando, aggiudicazione ed eventuali ricorsi. Una bella gatta da pelare.

passante-sferracavallo-drone-frame-tgrIntanto il 3 e 4 settembre sono previste delle corse di prova dei treni sulla Notarbartolo-Carini per finire i test sulla Tratta C. «Aspetteremo poi l’ok e le autorizzazioni del Ministero per aprire la linea. Noi, salvo intoppi burocratici – concludono da Rfi – speriamo di aprirla il 9 settembre». Si avvicina così l’inaugurazione.

Infine, sul fronte di scavo di via Belgio, si avvicina ormai l’arrivo della Talpa TBM “Marisol”, pronta a perforare l’ultimo diaframma della galleria. «Entro fine mese uscirà dal pozzo di estrazione». 

 

SCORRI LA FOTO-GALLERY IN BASSO:
Foto Giovanni Mic
Filippo Palazzo, RFI

 

LEGGI ANCHE

Passante ferroviario Palermo, via al collaudo: il 9 settembre torna il treno per l’aeroporto | VIDEO

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.