23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.02
Palermo

Domenica 27 maggio

Palermo: un torneo di pallavolo per ricordare il giornalista Rai Dario Miceli

21 Maggio 2018

 

Dario Miceli giornalista, volto noto della Rai, era anche un bravo pallavolista. A un anno dalla sua prematura scomparsa, la famiglia e gli amici, insieme al mondo della pallavolo che Dario ha sempre frequentato, giocando nella seria A del Club Leoni, desiderano ricordarlo con un torneo che si svolgerà domenica 27 maggio, dalle 15,45 al Pala Don Bosco – via San Domenico Savio, 4 – Palermo.

Il Memorial Dario Miceli è sostenuto dalla FIPAV, con il presidente Roberto Mormino, che ha subito accolto l’idea di Salvo Messina, collega di Dario, di dedicare una giornata per ricordare un abile atleta e un uomo leale e impegnato.

Quattro le squadre che parteciperanno al Torneo: GS Volley, Mic Volley, Volley Club Leoni e una squadra di Amici di Dario – (le Grandi Glorie della Pallavolo degli anni 1970/’80/’90) che si incontreranno sul parquet del Pala Don Bosco per celebrare il ricordo di Dario nel segno di uno sport da lui tanto amato.

Passione, il volley, che lo ha visto impegnato a livello professionale fin dalla più giovane età, ottenendo risultati di eccellenza, nulla togliendo, anzi esaltando l’altra grande passione che ha caratterizzato il cammino di Dario, il giornalismo, con un esordio, giovanissimo e ancora liceale, nella redazione de L’Ora.

Dopo gli incontri tra le squadre, seguirà una cerimonia di premiazione, con le testimonianze di alcuni amici, atleti, allenatori, compagni di squadra.

Programma della manifestazione: 

alle 15.45: arrivo partecipanti;

16.30 : Gara GS Volley Palermo – M.I.C. Volley;

18: Gara Volley Club Leoni – Amici di Dario;

19.30: cerimonia con interventi in ricordo di Dario Miceli;

A seguire premiazione e rinfresco.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.