22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11
Palermo

sulla linea 1

Palermo, un’altra aggressione sul tram: controllore finisce in ospedale

11 Febbraio 2019

Ancora una aggressione sulla Linea 1 del Tram, nel quartiere Sperone, a Palermo. Intorno alle ore 16,30 di oggi, un controllore ha invitato a scendere un giovane perché sfornito di biglietto. Per tutta risposta, il ragazzo l’ha aggredito e il controllore è caduto battendo la testa. Il dipendente dell’Amat è stato trasportato all’ospedale Buccheri la Ferla.

L’aggressore è scappato, ma le immagini delle telecamere a bordo del Tram hanno ripreso il tutto, quindi molto probabilmente il colpevole sarà individuato – dichiara Gaetano Bonavia, segretario Filt Cgil di Palermo – È diventata una situazione veramente insopportabile. I lavoratori escono da casa per svolgere dignitosamente il loro lavoro ma certamente non possono mettere a rischio ogni giorno la loro l’incolumità fisica. Chiediamo un intervento immediato delle autorità competenti per garantire la sicurezza al personale Amat e all’utenza”. 

Il segretario della Filt Cgil chiede inoltre all’Amat di istituire un tavolo tecnico tra azienda, sindacati, prefettura e sindaco al fine di trovare soluzioni idonee a garantire la sicurezza.

LE REAZIONI

“Esprimiamo vicinanza e solidarietà al controllore dell’Amat che oggi, durante il proprio turno, è stato vittima di un’aggressione sulla linea 1 del tram: purtroppo è solo l’ultimo episodio di una lunga serie e per questo l’azienda e il comune di Palermo devono predisporre misure urgenti per tutelare l’incolumità dei lavoratori e degli utenti rispettosi delle regole”. Lo dice il capogruppo del Partito Democratico al consiglio comunale di Palermo, Dario Chinnici.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo: sasso contro il tram allo Sperone, vetro rotto e un ferito | Foto

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.