Palermo, un'altra aggressione sul tram: controllore finisce in ospedale :ilSicilia.it
Palermo

sulla linea 1

Palermo, un’altra aggressione sul tram: controllore finisce in ospedale

di
11 Febbraio 2019

Ancora una aggressione sulla Linea 1 del Tram, nel quartiere Sperone, a Palermo. Intorno alle ore 16,30 di oggi, un controllore ha invitato a scendere un giovane perché sfornito di biglietto. Per tutta risposta, il ragazzo l’ha aggredito e il controllore è caduto battendo la testa. Il dipendente dell’Amat è stato trasportato all’ospedale Buccheri la Ferla.

L’aggressore è scappato, ma le immagini delle telecamere a bordo del Tram hanno ripreso il tutto, quindi molto probabilmente il colpevole sarà individuato – dichiara Gaetano Bonavia, segretario Filt Cgil di Palermo – È diventata una situazione veramente insopportabile. I lavoratori escono da casa per svolgere dignitosamente il loro lavoro ma certamente non possono mettere a rischio ogni giorno la loro l’incolumità fisica. Chiediamo un intervento immediato delle autorità competenti per garantire la sicurezza al personale Amat e all’utenza”. 

Il segretario della Filt Cgil chiede inoltre all’Amat di istituire un tavolo tecnico tra azienda, sindacati, prefettura e sindaco al fine di trovare soluzioni idonee a garantire la sicurezza.

LE REAZIONI

“Esprimiamo vicinanza e solidarietà al controllore dell’Amat che oggi, durante il proprio turno, è stato vittima di un’aggressione sulla linea 1 del tram: purtroppo è solo l’ultimo episodio di una lunga serie e per questo l’azienda e il comune di Palermo devono predisporre misure urgenti per tutelare l’incolumità dei lavoratori e degli utenti rispettosi delle regole”. Lo dice il capogruppo del Partito Democratico al consiglio comunale di Palermo, Dario Chinnici.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo: sasso contro il tram allo Sperone, vetro rotto e un ferito | Foto

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin