Palermo, viale Regione a tre corsie: "La prossima settimana via ai lavori" :ilSicilia.it
Palermo

I lavori dovrebbero avvenire di notte "per ridurre i disagi"

Palermo, viale Regione a tre corsie: “La prossima settimana via ai lavori”

8 Maggio 2019

Tutto pronto (o quasi) per trasformare la strada più trafficata d’Italia in un asse a tre corsie di marcia. Stiamo parlando di viale Regione Siciliana, la Circonvallazione di Palermo, lasciata da due anni inspiegabilmente senza alcuna segnaletica orizzontale.

Il neo assessore alla Mobilità Giusto Catania vuole mettere fine all’anarchia che regna soprattutto nelle corsie centrali, da via Belgio al ponte di Bonagia, trasformando la carreggiata completamente: salvo intoppi, «la prossima settimana – rivela Catania a ilSicilia.itdovrebbero iniziare i lavori. Adesso alla Rap stanno definendo il cronoprogramma e il piano di sicurezza e gli ultimi aspetti organizzativi. Non sarà necessario chiudere la strada: i lavori saranno effettuati di notte per ridurre al minimo i disagi al traffico veicolare». 

Traffico viale regione sicilianaInizierà dunque la Rap e poi toccherà ad Amat per la segnaletica orizzontale e verticale. L’ordinanza, pronta dal 2017, non fu mai applicata. Tanto che Catania, da capogruppo in Consiglio comunale di Sinistra Comune, aveva più volte tuonato contro questa disorganizzazione che rendeva pericoloso l’asse portante della città.

Tornato da poco al timone dell’assessorato al Traffico, Catania ha premuto sull’acceleratore su questo tema: «Ancora non so dare una data certa perché stiamo definendo il piano organizzativo. Ma ormai è questione di giorni».

Si ipotizzava di partire già ad aprile, dopo Pasquetta, ma probabilmente si è voluto perfezionare l’intervento, per evitare i disagi già visti in occasione dei lavori di messa in sicurezza del Ponte Corleone. Ecco perché si è deciso di fare il complesso intervento di notte.

In pratica, la carreggiata centrale – larga 12 metri e attualmente divisa in tre corsie da 4 metri – sarà divisa in 4 corsie: due “ordinarie” da 3 metri ciascuna; la corsia più a destra da 3,5 metri (per mezzi pesanti e taxi); e quella di emergenza da 2 metri e mezzo. L’obiettivo è terminare i lavori entro Ferragosto.

Un’altra novità in arrivo sul fronte viabilità sarà in Via Roma: «Sto lavorando per portare avanti la mia proposta del doppio senso. Faremo un’apposita delibera di Giunta – spiega l’assessore – ma voglio fare prima un passaggio in Consiglio Comunale perché è provvedimento importante; mi sembra corretto politicamente passare prima da Sala delle Lapidi su questo tema. Giusto Catania sul trafficoL’obiettivo comunque è partire subito dopo il Festino con due mesi di test in estate; anche se la strategia è di renderlo definitivo, poiché è strettamente connesso alla pedonalizzazione dei due assi di via Maqueda e corso Vittorio Emanuele», dove a breve arriveranno i nuovi dissuasori automatici a scomparsa (i cosiddetti bollard).

Infine, Catania annuncia gli altri temi caldi: «La priorità ora è il Prg, risolvere la questione rifiuti e il nuovo progetto del tram su cui mi sto buttando a capofitto».

 

LEGGI ANCHE:

Nuovi tram a Palermo, ecco come cambierà la viabilità: le date | FOTO-VIDEO

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.