Palermo, viale Regione a tre corsie: "La prossima settimana via ai lavori" :ilSicilia.it
Palermo

I lavori dovrebbero avvenire di notte "per ridurre i disagi"

Palermo, viale Regione a tre corsie: “La prossima settimana via ai lavori”

di
8 Maggio 2019

Tutto pronto (o quasi) per trasformare la strada più trafficata d’Italia in un asse a tre corsie di marcia. Stiamo parlando di viale Regione Siciliana, la Circonvallazione di Palermo, lasciata da due anni inspiegabilmente senza alcuna segnaletica orizzontale.

Il neo assessore alla Mobilità Giusto Catania vuole mettere fine all’anarchia che regna soprattutto nelle corsie centrali, da via Belgio al ponte di Bonagia, trasformando la carreggiata completamente: salvo intoppi, «la prossima settimana – rivela Catania a ilSicilia.itdovrebbero iniziare i lavori. Adesso alla Rap stanno definendo il cronoprogramma e il piano di sicurezza e gli ultimi aspetti organizzativi. Non sarà necessario chiudere la strada: i lavori saranno effettuati di notte per ridurre al minimo i disagi al traffico veicolare». 

Traffico viale regione sicilianaInizierà dunque la Rap e poi toccherà ad Amat per la segnaletica orizzontale e verticale. L’ordinanza, pronta dal 2017, non fu mai applicata. Tanto che Catania, da capogruppo in Consiglio comunale di Sinistra Comune, aveva più volte tuonato contro questa disorganizzazione che rendeva pericoloso l’asse portante della città.

Tornato da poco al timone dell’assessorato al Traffico, Catania ha premuto sull’acceleratore su questo tema: «Ancora non so dare una data certa perché stiamo definendo il piano organizzativo. Ma ormai è questione di giorni».

Si ipotizzava di partire già ad aprile, dopo Pasquetta, ma probabilmente si è voluto perfezionare l’intervento, per evitare i disagi già visti in occasione dei lavori di messa in sicurezza del Ponte Corleone. Ecco perché si è deciso di fare il complesso intervento di notte.

In pratica, la carreggiata centrale – larga 12 metri e attualmente divisa in tre corsie da 4 metri – sarà divisa in 4 corsie: due “ordinarie” da 3 metri ciascuna; la corsia più a destra da 3,5 metri (per mezzi pesanti e taxi); e quella di emergenza da 2 metri e mezzo. L’obiettivo è terminare i lavori entro Ferragosto.

Un’altra novità in arrivo sul fronte viabilità sarà in Via Roma: «Sto lavorando per portare avanti la mia proposta del doppio senso. Faremo un’apposita delibera di Giunta – spiega l’assessore – ma voglio fare prima un passaggio in Consiglio Comunale perché è provvedimento importante; mi sembra corretto politicamente passare prima da Sala delle Lapidi su questo tema. Giusto Catania sul trafficoL’obiettivo comunque è partire subito dopo il Festino con due mesi di test in estate; anche se la strategia è di renderlo definitivo, poiché è strettamente connesso alla pedonalizzazione dei due assi di via Maqueda e corso Vittorio Emanuele», dove a breve arriveranno i nuovi dissuasori automatici a scomparsa (i cosiddetti bollard).

Infine, Catania annuncia gli altri temi caldi: «La priorità ora è il Prg, risolvere la questione rifiuti e il nuovo progetto del tram su cui mi sto buttando a capofitto».

 

LEGGI ANCHE:

Nuovi tram a Palermo, ecco come cambierà la viabilità: le date | FOTO-VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin