Palermo: Villa Costa abbandonata al declino. Ecco com'è oggi | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Lo stato delle cose

Palermo: Villa Costa abbandonata al declino. Ecco com’è oggi | VIDEO

di
9 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Per tanti anni, Villa Gaetano Costa, lo spazio verde di Fondo Terrasi situato nel circondario tra Viale Lazio, Viale Campania, Via Empedocle Restivo e Via Brigata Verona, è stato uno dei giardini comunali più conosciuti e fruiti della città nonché sede di una biblioteca. Oggi quello spazio si ritrova totalmente abbandonato a sé stesso.

Fino al 2018 Villa Costa ospitava i locali del Costes, caffè letterario divenuto successivamente un punto di riferimento per la Movida palermitana. Dopo il mancato rinnovo della concessione il giardino comunale ha vissuto una stagione di scarsissima gloria. Nell’estate 2019 era stato annunciato l’inizio dei lavori di riqualificazione dell’area verde con l’obiettivo di farne un grande spazio verde da consegnare alla cittadinanza ma di questa riqualificazione non vi è traccia alcuna.

Lo scenario cui si assiste oggi transitando da Fondo Terrasi ha un che di paradossale: da un lato c’è il giardino/roseto Rosa Balistreri pulito e ben curato; dall’altro Villa Costa dove non c’è traccia di pulizia, di cura e di astanti. Due facce diametralmente opposte della stessa medaglia.

Tutti gli accessi di Villa Costa sono chiusi a chiave; i cartelli indicanti gli orari di apertura non contengono indicazioni e sono consunti  così come ad essere consunta è la targa nell’ingresso principale del giardino in Viale Lazio che ricorda il magistrato ucciso dalla mafia il 6 agosto 1980.

All’interno della villa si registra uno scenario tra il desolante e lo spettrale, con erbacce e sterpaia fanno da contraltare alla vegetazione della Villa; una fontana dalla quale non sgorga più acqua ed uno stato generale di abbandono.

IlSicilia.it ha più volte provato contattare l’assessore con delega a Ville e Giardini Sergio Marino e il dirigente dell’area del Decoro urbano e del Verde del Comune Domenico Musacchia per un commento in merito, senza ottenere alcuna risposta.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.