Palermo, ville e giardini chiusi per il forte vento :ilSicilia.it
Palermo

l'ordinanza comunale

Palermo, ville e giardini chiusi per il forte vento

di
25 Settembre 2020

Il Comune chiude ville e giardini per ragioni di sicurezza. Il forte vento, infatti, potrebbe causare la caduta di rami e mettere a rischio l’incolumità dei bambini. Saltano, quindi, tutte le prenotazioni previste per la giornata. Il provvedimento è stato esteso anche alla giornata di domani, sabato 26 settembre.

Una nota diramata dall’amministrazione afferma che: “A seguito della previsione di venti da forti a burrasca dai quadranti occidentali. Dal pomeriggio rinforzi fino a burrasca forte o tempesta sul litorale tirrenico, è stata disposta la chiusura da oggi pomeriggio di giardini e ville comunali in via precauzionale fino a sabato incluso”.

CHIUDE ANCHE IL CIMITERO DEI ROTOLI

Il cimitero di Santa Maria dei Rotoli resterà chiuso al pubblico per tutta la giornata di sabato 26 settembre. Lo comunica il Comune di Palermo attraverso una nota.

La decisione è stata presa in considerazione dell’allerta meteo “gialla” prevista su Palermo fino alla mezzanotte di domani anche con venti da forti a burrasca, con raffiche fino a burrasca forte.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.