Palermo: "Ztl anche di notte, via Roma a doppio senso e viale Regione a tre corsie", le novità di Giusto Catania :ilSicilia.it
Palermo

Un test entro l'estate

Palermo: “Ztl anche di notte, via Roma a doppio senso e viale Regione a tre corsie”, le novità di Giusto Catania

4 Aprile 2019

Si è insediato da poco ma ha le idee chiare, anzi chiarissime. Giusto Catania, che ritornato alla guida dell’assessorato alla Mobilità del Comune di Palermo, è pronto a una piccola rivoluzione della viabilità in città.

Le novità principali allo studio dei tecnici dell’Ufficio Traffico sarebbero tre: Ztl estesa anche in notturna, via Roma a doppio senso di circolazione e viale Regione Siciliana a tre corsie. Entro l’estate potrebbe partire la sperimentazione.

Tram in via Roma - rendering
Tram in via Roma – rendering Comune di Palermo

“Non ci metterei la mano sul fuoco, ma ci stiamo provando”, ha detto nei giorni scorsi all’Adnkronos. Attualmente la Ztl è valida fino alle 20, ma l’assessore vorrebbe estenderla agli orari notturni della movida, dopo aver raccolto le istanze di alcuni residenti del Centro Storico (I Circoscrizione).

E a camminare di pari passo con questo test della Ztl in notturna, anche l’esperimento della centralissima Via Roma a doppio senso di marcia: “L’obiettivo è ampliare la pedonalizzazione su via Maqueda e sul Cassaro basso. Sono due classiche sperimentazioni da fare in estate. La Ztl si ferma alle 20 perché dopo il servizio autobus della città non è più adeguato, il nostro obiettivo è migliorarlo ed estendere l’orario della Ztl”.

Per Giusto Catania, la causa della desertificazione e crisi del commercio in via Roma non sarebbe dovuta alla Ztl, ma “va ricercata nella nascita dei centri commerciali. Era la via del commercio all’ingrosso, ora questo tipo di commercio non si può fare più. Bisogna ripensare il commercio su questa strada. Chi oggi fa le proteste contro la desertificazione di via Roma sono gli stessi che hanno favorito gli investimenti nei centri commerciali. Se devono lavarsi la coscienza parlando della Ztl lo possono fare, ma sappiano che si stanno lavando la coscienza”. 

Del resto, nell’intento del Comune, via Roma in futuro sarà completamente chiusa alle auto: solo tram, pedoni e biciclette.

Infine, ma non meno importante, la Circonvallazione a tre corsie nel tratto centrale, dallo svincolo di via Belgio (per i veicoli provenienti da Trapani) allo svincolo “Bonagia“.

L’ordinanza in realtà già c’è da quasi due anni (04/05/2017) ma nessuno l’ha mai applicata. Tanto che sia il M5S (LEGGI QUI), sia lo stesso Giusto Catania durante il periodo in cui era capogruppo di Sinistra Comune in Consiglio Comunale, hanno tuonato contro l’ex assessora Jolanda Riolo.

La segnaletica orizzontale, tra l’altro, è totalmente assente e risulta pericolosa; in particolare, nel tratto tra il sottopasso Einstein e il ponte Calatafimi.

 

LEGGI ANCHE:

Viale Regione Siciliana diventa a 3 corsie. L’ultima mossa di Giusto Catania contro il traffico

 

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.