Pallanuoto. A Palermo 3 partite di Europa Cup. | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il Settebello torna a Palermo dal 16 al 18 febbraio

Pallanuoto. A Palermo 3 partite di Europa Cup.

di
26 Gennaio 2018

Pallanuoto. Il Settebello, bronzo alle ultime Olimpiadi di Rio 2016, torna a Palermo dal 16 al 18 febbraio presso la Piscina Olimpica di Viale del Fante per giocare 3 importanti partite contro la Germania, il Montenegro e la Russia, valide per il girone eliminatorio della Europa Cup Pallanuoto.

Un fatto prestigioso per la nostra città e l’occasione di potere ammirare da vicino questa splendida Nazionale che ha regalato all’Italia sempre grandi successi e guidata con maggiore orgoglio per noi da quello che è stato uno dei più grandi campioni di questo sport, il palemitano  Sandro Campagna.

Il Settebello torna a Palermo dopo la vittoriosa partita del 14 marzo 2017, valida per la World League, con la Russia, conclusasi con il risultato di 12-9 per la squadra azzurra.

 

 

La Pallanuoto internazionale torna ora a Palermo con la nuova formula ‘EUROPA CUP’, che la LEN Ligue Europeenne de Natation, ha lanciato nel mese di agosto, manifestazione che è riservata alle migliori 14 squadre del continente ed a  cui si accede attraverso il ranking dei precedenti Campionati Europei di Belgrado del 2016.

Il torneo si sviluppa in 2 fasi programmate nei fine settimana. La prima prevede un turno eliminatorio, dal 16 al 18 febbraio, con la formula del concentramento unico e incontri di sola andata, e la seconda la  ‘FINAL EIGHT’ è programmata dal 6 all’8 aprile in Croazia, cui prenderanno parte le migliori 3 del girone con 5 squadre e le prime 2 dei gironi con 4 squadre.

Queste le composizioni dei gironi e le loro sedi :

GIRONE A – Budapest (Ungheria) Ungheria, Spagna, Francia, Romania e Georgia
GIRONE B – Spalato (Croazia) Serbia, Grecia, Croazia, Olanda e Malta
GIRONE C – Palermo (Italia) Montenegro, Italia, Russia e Germania

 

 

La tre giorni – che vedrà l’evento clou nella sfida Italia-Montenegro sabato 17 febbraio – è stata presentata a Palazzo delle Aquile, alla stampa,  nell’Aula Rostagno , alla presenza del Coordinatore del Comitato Organizzatore il Presidente del TeLiMar, Marcello Giliberti,  il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, co-organizzatore della manifestazione, l’Assessore agli Impianti Sportivi del Comune di Palermo Emilio Arcuri, il Consigliere Nazionale della Federazione Italiana Nuoto Giuseppe Marotta, il Consigliere Nazionale della Federazione Italiana Nuoto e Presidente del Consorzio ‘Sicilia Sport al Vertice’ Nello Russo, il Vice Presidente del CONI Sicilia e Presidente del Comitato FIN Sicilia Sergio Parisi, ed il Commissario Tecnico del Settebello Sandro Campagna.

 

Palermo è una città meravigliosa dove da palermitano torno sempre con grande entusiasmo . Ed i giocatori non vedono l’ora di venire a Palermo sia per la qualità del torneo che la qualità dell’ospitalità. Il successo organizzativo dello scorso anno contro la Russia,- ha detto il ct della Nazionale Italiana, Sandro Campagna nel corso di una intervista –   è una garanzia di entusiasmo e di professionalità. In acqua ci saranno tre squadre molto forti e fare tre partite in tre giorni non sarà una cosa facile ma ci impegneremo al massimo per assicurare una prestazione eccellente. E’ una competizione importante perché nel periodo invernale ci permette di fare sei-sette partite di alto livello con le migliori squadre d’Europa, iniziando proprio qui dal girone di Palermo. Poi le migliori due si qualificheranno per una finale dopo Pasqua, dove ci saranno altre quattro partite di primo livello che mi permetteranno di avere ulteriori indicazioni in vista degli Europei di Barcellona a luglio 2018. Mi aspetto che ci qualifichiamo per la finale di questa Europa Cup. Sono convinto che i palermitani verranno in massa per ogni singola partita, ricordiamo che ci saranno due match al giorno per tre giorni”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.