Pamela Villoresi a ilSicilia.it: "Voglio fare di Palermo la città del Teatro" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

al via la stagione estiva del Teatro Biondo

Pamela Villoresi a ilSicilia.it: “Voglio fare di Palermo la città del Teatro” | Video intervista

di
18 Luglio 2019

Guarda la video intervista in alto

È in carica dal mese di aprile la direttrice del Teatro Biondo di Palermo, Pamela Villoresi, ed ha già messo in cantiere una serie di progetti che mirano al coinvolgimento della città tutta.

L’obiettivo, come sottolinea la Villoresi nella video intervista, è quello di raggiungere il maggior numero di spettatori uscendo dalla sede istituzionale del Biondo e accendendo i riflettori in luoghi “altri” dal teatro istituzionale, anche approntati ad hoc per le rappresentazioni.

Pamela Villoresi

In attesa dell’avvio della nuova stagione teatrale, “Traghetti” che partirà ad ottobre, mentre è al via la stagione estiva “Vocazioni“, da venerdì 19 alle 20.45 nel Chiostro di Sant’Antonino (corso Tukory angolo via Oreto) con lo spettacolo “In mio onore” di Elisa Parrinello, dedicato alla memoria di Paolo Borsellino, tanti saranno gli appuntamenti “extra stagionali“.

A cominciare da “Biondaccio“, ad esempio, iniziativa che sposterà il Biondo nel quartiere Brancaccio per “guarire con l’arte” il terreno confiscato alla mafia che, da ottobre, verrà destinato alla costruzione di un asilo nido; così come “Biondoantico“, un breve programma di tre appuntamenti mensili in altrettanti siti archeologi: il teatro antico di Tindari, il Castello a Mare di Palermo e, ultima tappa, Agrigento. E poi ancora, in incubazione, altri progetti da “Biond’anchio” ai “Biondini“.

Voglio portare il teatro a chi non lo conosce o a chi non può raggiungerlo per diversi motivi – conclude la direttrice – Credo sia il compito degli operatori del settore divulgare il più possibile le attività culturali, facendo rete con le altre istituzioni e in sinergia con il territorio locale“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.