Pane, profumo di Pane | LA RICETTA :ilSicilia.it

Bontà quotidiana

Pane, profumo di Pane | LA RICETTA

di
15 Aprile 2020

Cosa c’è di più buono del pane? Ricordando il suo profumo appena sfornato, la sua fraganza, la crosta croccante che ne custodisce la morbida mollica, vogliamo provare l’emozione di farlo a casa, grazie alla ricetta di  un’amica carissima, Anna. Prima, però, come di consueto qualche curiosità.

Curiosità

La sua etimologia sembrerebbe legata alla radice sanscrita pa-, cioè bere o nutrire, da cui pa-sto. D’altronde il primo alimento per l’uomo è il latte materno, un pasto liquido, che ha in comune con il nostro protagonista l’essenzialità. Un’ipotesi meno accreditata, invece, lo ricondurrebbe sempre alla radice pa-, ma col significato di sostenere, proteggere, da cui pa-dre. In entrambe viene fuori la sua sacralità.

Tutti sappiamo che a Betlemme nacque Gesu; ma chi di voi sa che il significato del suo nome in ebraico è “Casa del pane” e in arabo, invece, “Casa della carne“? Entrambe le definizioni, per chi crede, conducono al Mistero dell’Incarnazione, infatti Dio si è fatto carne, attraverso il figlio in questo piccolo villaggio e il Pane Eucaristico è il Corpo di Cristo nato da Maria, la Vergine Madre. Adesso passiamo alla ricetta del pane.

Ingredienti:

⦁ 800 g di farina

⦁ 400 ml di acqua tiepida

⦁ 25 g di lievito

⦁ 1 cucchiaino  di zucchero

⦁ un pizzico di sale

⦁ 1 cucchiaio di olio

Procedimento:

1. Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida  con lo zucchero.

2. Versate l’acqua piano piano sulla farina,  aggiungete l’olio, il sale e lavoratelo fino ad ottenere una bella pasta.

3. Lavoratela ancora e formate due bei panetti tondi e ungeteli con l’olio. Lasciate lievitare per tutta la notte.

4. Al mattino ponete in forno già caldo per circa 40 minuti a 200°.

Pronti a gustare il vostro pane appena sfornato?

Vogliamo lasciarvi con Gianni Rodari: “S’io facessi il fornaio vorrei cuocere un pane così grande da sfamare tutta la gente che non da mangiare. Un pane più grande del sole, dorato, profumato, come le viole. Un pane così verrebbero a mangiarlo dall’India e dal Chilì i poveri, i bambini, i vecchietti e dli uccellini. Sarà una data da studiare a memoria: un giorno senzafame! Il più bel giorno di tutta la storia!”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin