Panico a Gela: esplosione al mercatino, sette feriti gravi | FOTO-VIDEO :ilSicilia.it
Caltanissetta

In fiamme bombola gas che alimentava polleria

Panico a Gela: esplosione al mercatino, sette feriti gravi | FOTO-VIDEO

di
5 Giugno 2019
FRAME TGR SICILIA
GUARDA IN BASSO IL VIDEO

 

E’ salito a 20, secondo un bilancio diffuso dai vigili del fuoco, il numero dei feriti medicati dopo l’esplosione di una bombola avvenuta in un furgone del mercatino giornaliero di via Madonna del Rosario a Gela, attrezzato per la vendita di polli allo spiedo.

Le fiamme avrebbero causato ustioni sul 60% del corpo a due delle tre persone che lavoravano sul camioncino mentre la ragazza che operava con loro, oltre ad avere riportato estese bruciature avrebbe perso l’uso di un occhio colpito da una scheggia dopo lo scoppio.

Fra i feriti c’è anche una donna all’ottavo mese di gravidanza, moglie di un carabiniere, che si trovava al mercato rionale a fare la spesa.

Tutti i medici dell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela in servizio e a riposo, sono stati mobilitati per aiutare i sanitari del pronto soccorso a far fronte all’emergenza scattata con l’arrivo degli ustionati. Oltre a tre feriti già ricoverati nei centri Grandi ustionati di Catania e di Palermo, altri due stanno per essere trasferiti negli stessi reparti. Due dei feriti sono stati trasferiti in elisoccorso.

La procura di Gela ha aperto un’inchiesta per accertare le cause del grave episodio. Una delle bombole sequestrate nel furgone appare letteralmente spaccata con un lungo squarcio verticale.

elisoccorsoLa bombola di gas sarebbe esplosa dopo avere preso fuoco, per cause ancora in fase di accertamento.

L’onda d’urto e le fiamme hanno investito in pieno le tre persone che erano al lavoro sul furgone; la più grave è la donna.

L’incidente è avvenuto intorno a mezzogiorno, un’ora in cui il mercatino era particolarmente affollato. Alcuni testimoni hanno riferito di avere visto diverse persone fuggire con gli abiti in fiamme, prima di essere soccorse. Fino ad ora il bilancio ufficiale è di sette feriti, ma potrebbe essere destinato ad aumentare.

I due in gravi condizioni sono stati trasferiti in elisoccorso al reparto Grandi Ustionati dell’ospedale Civico di Palermo e in un ospedale di Catania; gli altri cinque sono ricoverati in ospedale a Gela.

(IN AGGIORNAMENTO)

 

esplosione a gela

Esplosione oggi a Gela al mercato settimanale divia Madonna del Rosario. Sei persone sono rimaste ferite, due delle qualiversano in gravissime condizioni. Ad esplodere una bombola di gas appartenentead una bancarella che vende polli allo spiedo. seguici sul nostro sito:rai.it/tgrsicilia

Pubblicato da Tgr Rai Sicilia su Mercoledì 5 giugno 2019

IL VIDEO DELL’ASSESSORE RAZZA:

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin