Panico e momenti di terrore al Pensionato Santi Romano, fa irruzione un giovane: "Chi è musulmano e non vuole morire esca fuori" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Panico e momenti di terrore al Pensionato Santi Romano, fa irruzione un giovane: “Chi è musulmano e non vuole morire esca fuori”

di
9 Aprile 2017

Momenti di panico iera sera al Pensionato Santi Romano di viale delle Scienze a Palermo. All’interno della mensa universitaria, a un certo punto, ha fatto irruzione un ragazzo, brandendo qualcosa nelle mani e urlando all’indirizzo dei presenti. Pare che il giovane abbia invitato  chi fosse satanista e voleva morire a restare dentro la sala e chi fosse ebreo, cristiano o musulmano a uscire immediatamente.

In pochi attimi è stato il terrore, con tantissimi studenti che scappavano da ogni parte, per sfuggire al giovane, mentre questi avrebbe continuato a minacciare di fare una strage.

Diversi testimoni hanno chiamato la polizia e in pochi attimi sono giunte sul posto diverse volanti insieme agli uomini della security, che lavorano nella cittadella universitaria.

A quanto pare, sarebbe stato proprio un metronotte a portare fuori il giovane, rendendosi conto che non era armato, come si era temuto in un primo momento.

Una ragazza ha affermato che il giovane è uno studente universitario che vive in un appartamento dello stesso Pensionato. Esclusa dagli agenti la pista terroristica.

Protagonista della “bravata”, un ragazzo marocchino di 26 anni, iscritto a Scienze giuridiche. Dopo l’episodio è stato sospeso dai benefici che gli venivano garantiti al Pensionato universitario.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.