20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.15

Paolo Falcone ospite di “En kai Pan”: “Devo l’amore per l’arte ai miei incontri con alcuni grandi” | VIDEO

5 Dicembre 2018

Guarda il video della dodicesima puntata in alto

Dodicesima puntata per “En kai pan“. Ospite nella nostra rubrica di approfondimento culturale de ilSicilia.it è Paolo Falcone, uno dei principali protagonisti di questi ultimi anni per l’arte contemporanea a Palermo.

Falcone ci racconta come ha avuto inizio il suo rapporto con l’arte, dal barone Giorgio Franchetti, che gli fece scoprire l’universo artistico dall’interno, ad Alighiero Boetti. “Questi primi due incontri – ci spiega – mi hanno aperto la comprensione di una strada: capire l’arte attraverso gli occhi di chi la viveva ogni giorno. La mia storia con l’arte nasce sul campo. Da qui poi si sviluppano lunghi percorsi, fra cui quello con Kounellis che sfociò nel 1993 in una grande mostra. La città reagì in modo straordinario, perchè ebbe un confronto con qualcosa che non aveva mai visto”. 

Fra i personaggi che Paolo Falcone cita spesso con ammirazione c’è Letizia Battaglia, fotografa, che ha avuto una vita travagliata e difficile a Palermo. Le sue fotografie sono diventate opere d’arte ammirate da tutti: “La conosco dai primi anni Novanta e dal ’95 la vedevo quotidianamente perchè ero legato con sua figlia, con Shoba. Con Letizia abbiamo fatto un percorso durato tanti anni, fin dal Duemila e poi, nel 2016, dopo sedici anni ai Cantieri culturali alla Zisa abbiamo organizzato un’altra sua mostra pubblica e adesso siamo a Rio de Janeiro, dove stiamo riscuotendo un interesse che non ci saremmo aspettati”. 

“L’ultimo artista contemporaneo con cui sto collaborando – sottolinea – è Francesco De Grandi. L’ho voluto fortemente nel progetto di Foresta Urbana dove ci sono una ventina di grandi artisti molto in vista nel panorama internazionale”. 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.