13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 10.02
caronte manchette
caronte manchette

Paolo Falcone ospite di “En kai Pan”: “Devo l’amore per l’arte ai miei incontri con alcuni grandi” | VIDEO

5 dicembre 2018

Guarda il video della dodicesima puntata in alto

Dodicesima puntata per “En kai pan“. Ospite nella nostra rubrica di approfondimento culturale de ilSicilia.it è Paolo Falcone, uno dei principali protagonisti di questi ultimi anni per l’arte contemporanea a Palermo.

Falcone ci racconta come ha avuto inizio il suo rapporto con l’arte, dal barone Giorgio Franchetti, che gli fece scoprire l’universo artistico dall’interno, ad Alighiero Boetti. “Questi primi due incontri – ci spiega – mi hanno aperto la comprensione di una strada: capire l’arte attraverso gli occhi di chi la viveva ogni giorno. La mia storia con l’arte nasce sul campo. Da qui poi si sviluppano lunghi percorsi, fra cui quello con Kounellis che sfociò nel 1993 in una grande mostra. La città reagì in modo straordinario, perchè ebbe un confronto con qualcosa che non aveva mai visto”. 

Fra i personaggi che Paolo Falcone cita spesso con ammirazione c’è Letizia Battaglia, fotografa, che ha avuto una vita travagliata e difficile a Palermo. Le sue fotografie sono diventate opere d’arte ammirate da tutti: “La conosco dai primi anni Novanta e dal ’95 la vedevo quotidianamente perchè ero legato con sua figlia, con Shoba. Con Letizia abbiamo fatto un percorso durato tanti anni, fin dal Duemila e poi, nel 2016, dopo sedici anni ai Cantieri culturali alla Zisa abbiamo organizzato un’altra sua mostra pubblica e adesso siamo a Rio de Janeiro, dove stiamo riscuotendo un interesse che non ci saremmo aspettati”. 

“L’ultimo artista contemporaneo con cui sto collaborando – sottolinea – è Francesco De Grandi. L’ho voluto fortemente nel progetto di Foresta Urbana dove ci sono una ventina di grandi artisti molto in vista nel panorama internazionale”. 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.