15 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.43
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

il prossimo 15 settembre

Papa Francesco a Palermo: in arrivo cinquemila giovani per abbracciarlo

31 agosto 2018

Saranno 5 mila i giovani, provenienti da tutta la Sicilia, in Piazza Politeama, in occasione della visita di Papa Francesco in programma a Palermo il prossimo 15 settembre. L’incontro con il Pontefice, che sarà accompagnato dall’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice, è fissato alle 17. I Ragazzi dormiranno nelle parrocchie negli istituti religiosi palermitani e la sera prima dell’incontro faranno la cena a sacco.

Papa Francesco e Leoluca Orlando
Papa Francesco e Leoluca Orlando

Il giorno dell’arrivo di Papa Francesco i giovani parteciperanno alla messa al Foro Italico e poi, a partire dalle 15, in attesa dell’arrivo del Papa, sono state organizzate in piazza Politeama una serie di attività di animazione con la partecipazione sia di giovani delle diocesi di Palermo, Catania e Patti che di migranti di diverse etnie che si esibiranno con balli e canti dei loro paesi.

Il coordinamento del pomeriggio sul palco sarà di Vincenzo Canzone, con la partecipazione del cabarettista palermitano Roberto Lipari. “Al suo arrivo Papa Francesco proclamerà il Vangelo – spiega don Giuseppe Calderone, direttore della Pastorale giovanile diocesana di Palermo, che sta organizzando l’attività delle migliaia di ragazzi e ragazze pronti ad accogliere il Pontefice – Subito dopo, sono previste 4 o 5 domande da parte di alcuni giovani e il Papa risponderà offrendo il suo messaggio ai giovani siciliani, anche in vista del sinodo dei giovani in programma il prossimo ottobre a Roma. Dopo la benedizione, il Papa, lasciando la piazza, sarà salutato dai canti”.

Ma i giovani delle 18 diocesi dell’Isola saranno anche coinvolti nel pomeriggio di venerdì, sempre in piazza Politeama, nel convegno regionale organizzato dalla Conferenza episcopale siciliana dal titolo “Maestro dove abiti. Le ragioni per rimanere in questa terra”. Prevista la presenza dell’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice e del vescovo di Trapani Pietro Maria Fragnelli.

Ci saranno anche le testimonianze di don Enzo Volpe della comunità di Santa Chiara a Palermo, del missionario laico Biagio Conte, di Giuliana Gianino, operatrice Caritas nel quartiere di Librino a Catania, dell’imprenditore palermitano Mario Di Paola che ha scelto di restare a lavorare in Sicilia e di un esperto di salvataggi in mare della Marina militare.

Alle 20,30 il musical “L’Amore salverà il mondo” di Piero Castellacci, Giuseppe Calderone e Michele Paulicelli, con la regia di Enzo Paolo Turchi e Gea Stramacci. I rappresentanti dei movimenti religiosi sul territorio e diversi giovani palermitani che saranno presenti alla Messa del Papa e poi all’incontro in piazza Politeama sono convinti che i giovani hanno bisogno ”soprattutto parole di incoraggiamento, di speranza, di una Chiesa vicina alla loro vita, di un messaggio di fede per i tanti che non credono. E se queste parole arriveranno da Papa Francesco probabilmente qualche effetto lo sortiranno”.

Tra gli argomenti considerati più “caldi” dai giovani quelli relativi ai migranti, a chi lascia la propria terra per andare a cercare fortuna fuori e ovviamente la legalità, considerato che la visita di Bergoglio arriva nel 25° anniversario dell’omicidio di padre Pino Puglisi, oggi Beato, assassinato il 15 settembre del 1993 per il suo costante impegno evangelico e sociale. Le pastorali giovanili stanno lavorando ormai da giorni alla macchina organizzativa dell’accoglienza e della sistemazione nelle parrocchie e nei centri religiosi delle migliaia di giovani che arriveranno.

LEGGI ANCHE:

A settembre Papa Francesco a Palermo, cambiamenti in vista alla Curia arcivescovile

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il ragazzo con la valigia

Non era più l’istruzione a far da discriminante nel mettere le valige in mano ai giovani. Era l’ottusità di certe politiche e l’incapacità di questa terra nel costruire un futuro migliore a spingere i giovani ad andare via.