Papa Francesco ricorda Lampedusa: "È Dio che ci chiede di poter sbarcare" :ilSicilia.it
Agrigento

la messa nel 7° anniversario della sua visita

Papa Francesco ricorda Lampedusa: “È Dio che ci chiede di poter sbarcare”

di
8 Luglio 2020

Papa Francesco è arrivato nella cappella di Casa Santa Marta dove presiede la celebrazione eucaristica in occasione del settimo anniversario della visita a Lampedusa. Considerata la situazione sanitaria, alla Messa partecipa solo il personale della sezione Migranti e Rifugiati del dicastero per lo Sviluppo umano integrale.

È Dio “che bussa alla nostra porta affamato, assetato, forestiero, nudo, malato, carcerato, chiedendo di essere incontrato e assistito, chiedendo di poter sbarcare”, ha detto il Pontefice nell’omelia della Messa dedicata ai migranti, nel 7° anniversario della sua visita a Lampedusa.

La Libia è un “inferno“, un “lager” e “ci danno la versione distillata. Ma non immaginate l’inferno che si vive lì, il lager di detenzione per questa gente che veniva solo con la speranza”. “Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”: cita questo versetto del Vangelo Papa Francesco per sottolineare che questo vale “nel bene e nel male! Questo monito risulta oggi di bruciante attualità. Dovremmo usarlo tutti come punto fondamentale del nostro esame di coscienza che facciamo tutti i giorni. Penso alla Libia, ai campi di detenzione, agli abusi e alle violenze di cui sono vittime i migranti, ai viaggi della speranza, ai salvataggi e ai respingimenti.

“IL BENESSERE CI RENDE INSENSIBILI A GRIDA DEGLI ALTRI”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere in bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l’illusione del futile, del provvisorio, che porta all’indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell’indifferenza”.

“Chi è alla ricerca di Dio può incontrarlo nei migranti e nei poveri e questo incontro è occasione di salvezza. Protesi alla ricerca del volto del Signore, lo possiamo riconoscere nel volto dei poveri, degli ammalati, degli abbandonati e degli stranieri che Dio pone sul nostro cammino. E questo incontro diventa anche per noi tempo di grazia e di salvezza”, ha sottolineato il pontefice. “L’incontro con l’altro è anche incontro con Cristo. Ce l’ha detto Lui stesso”.

Sono le “tante ingiustizie” del mondo a spingere le persone a lasciare le loro terre. Ha proseguito Papa Francesco nell’omelia della Messa per il settimo anniversario della sua visita a Lampedusa, sottolineando che “falsità” e “ingiustizia” sono “un peccato da cui anche noi, cristiani di oggi, non siamo immuni”.
“La Vergine Maria, Solacium migrantium, ci aiuti a scoprire il volto del suo Figlio in tutti i fratelli e le sorelle costretti a fuggire dalla loro terra per tante ingiustizie da cui è ancora afflitto il nostro mondo”, ha concluso il Papa.

“NON IMMAGINATE LE TORTURE…”

“Io ricordo quel giorno di sette anni fa, proprio al Sud dell’Europa, in quell’isola. Alcuni – ha riferito il Papa – mi raccontavano le proprie storie, quanto avevano sofferto per arrivare lì e c’erano degli interpreti. E uno raccontava cose terribili, nella sua propria lingua e l’interprete sembrava tradurre bene mamentre “il primo parlava a lungo, la traduzione era breve. Pensai: questa lingua per esprimersi ha dei giri più lunghi. Quando sono tornato a Roma, alla reception c’era un signora” che “era figlia di etiopi e capiva la lingua e aveva guardato l’incontro”.

Quella donna disse al Papa, secondo quanto riferito dallo stesso Francesco, che “quello che il traduttore ti ha detto non è la quarta parte delle torture e delle sofferenze che hanno vissuto loro”. “Mi hanno dato – ha proseguito il Papa – la versione distillata. Questo succede con la Libia: ci danno la versione distillata, ‘sì, c’è la guerra…’, ma non immaginate l’inferno che si vive lì, i lager di detenzione e questa gente veniva solo con la speranza” e dal mare è stata invece riportata nel Paese africano.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.