Papa Francesco scrive a Orlando , "Grazie per la cultura dell'accoglienza che si pratica a Palermo" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Per il sindaco: "siamo una città mediorientale, uscire dal provincialismo"

Papa Francesco scrive a Orlando , “Grazie per la cultura dell’accoglienza che si pratica a Palermo”

di
14 Gennaio 2017

Papa Francesco scrive al sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. “Ho ricevuto una lettera da papa Francesco nella qualita’ di sindaco di questa citta’ che esprime gratitudine per la cultura dell’accoglienza che si pratica in questa citta’ ogni giorno“. Lo ha detto il sindaco Orlando, nell’ambito della presentazione delle manifestazioni di #UniPa2017, presentate stamattina, allo Steri, dal rettore dell’Universita’ di Palermo, Fabrizio Micari, nell’ambito di Palermo Citta’ Universitaria e Palermo Capitale Italiana dei Giovani. “Palermo non e’ una citta’ mitteleuropea, ma una citta’ mediorientale in Europa. Siamo una realta’ maledetta perche’ non ci autostimiamo – ha aggiunto – dobbiamo uscire da questo gretto provincialismo, ma grazie all’impegno dei giovani si e’ proiettata un’immagine diversa di questa nostra citta’, consentendo di superare la competizione di Bari e Venezia e succedendo a Perugia, capitale italiana dei giovani nel 2016″.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin