23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33

la senatrice di Fi replica al ministro dell'Istruzione

Papatheu: “Bussetti ha offeso il Sud, si dimetta subito e vada a studiare”

11 Febbraio 2019

Il Ministro nordista all’Istruzione Marco Bussetti, da Gallarate, con le sue vergognose affermazioni fatte ad Afragola, ha tolto l’ultima maschera a se stesso e al Governo M5S-Lega che non solo umilia il Sud con il finto assistenzialismo del reddito di cittadinanza, ma lo disprezza e lo considera terra di nulla facenti alla stregua di quanto avvenne in passato nel Regno delle Due Sicilie”. Così la senatrice di Fi, Urania Papatheu, sferra un duro attacco al Ministro dell’Istruzione, Bussetti, che rivolgendosi agli insegnanti del Sud aveva dichiarato: “Vi dovete impegnare, lavorare e fare più”.

Perentoria la replica della senatrice siciliana che chiede le dimissioni del ministro leghista: “Cambiano gli interpreti – dichiara Papatheu – ma la storia si ripete e si riflette nell’impietosa pochezza assoluta del Governo del finto cambiamento. Bussetti, con quelle sue inaccettabili affermazioni ha espresso il suo pensiero, ora non cerchi scuse e non si nasconda tra le ipocrite frasi ancora più imbarazzanti di giustificazioni e precisazioni alle quali nessuno può credere. Si dimetta subito, vada a casa a riflettere e studiare, cosi scoprirà intanto che negli ultimi 15 anni il Sud ha “regalato” 200 mila laureati al Nord. “L’impegno, il lavoro e il sacrificio” che il ministro sollecita con ghigno sprezzante sono da sempre nel DNA della gente del Sud, un popolo che ogni mattina si rimbocca le maniche e affronta con dignità le difficoltà della vita. Bussetti, invece, conosce bene l’equazione del dare i posti fissi al Nord e lasciare i precari al Sud, dove tanti insegnanti attendono da 30 anni di essere stabilizzati e molti altri sono costretti a trasferirsi al Nord per l’ottusità un Ministero che si degna nemmeno di porre rimedio alle carenze strutturali delle nostre scuole”.

Poi l’affondo finale della Papatheu nei confronti di Bussetti. “Ministro, da senatrice terrona – e di questo sono e sarò sempre orgogliosa e me ne vanto – le dico che in una sola cosa ha ragione: gli insegnanti del Sud dovrebbero impegnarsi di più a sradicare l’ignoranza di chi la pensa come lei e a formare giovani elettori capaci di riconoscere quelli che alimentano la discriminazione territoriale, così da non mandarli mai più al Governo”.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.