Papatheu: "Daverio contro la Sicilia, le scuse peggio dell'offesa" :ilSicilia.it

l'esponente di FI contesta il critico d'arte

Papatheu: “Daverio contro la Sicilia, le scuse peggio dell’offesa”

di
29 Ottobre 2019

Non si placano le polemiche sul caso Daverio“, le offese del critico d’arte Philippe Daverio alla Sicilia e ai siciliani, con le successive scuse odierne, altrettanto discutibili. Sull’argomento interviene la senatrice Urania Papatheu; la parlamentare siciliana di Forza Italia annuncia un intervento presso la Commissione di Vigilanza Rai per fare chiarezza sulla vicenda del televoto finale de “Il Borgo dei Borghi”

Urania Papatheu
Urania Papatheu

Le parole razziste del prof. Philippe DAverio contro la Sicilia e i siciliani – afferma Papatheu – sono un atto di ignoranza inaccettabile. Le sue scuse sono peggio dell’offesa. Daverio dalla Sicilia ha avuto spazio, visibilità e compensi percepiti dall’Università e dallo stesso Comune di Palermo come esperto alla Cultura. Lui però ci definisce “terroni” e prima ancora “miniere di sale” ma la nostra storia è orgoglio e invidia di tutti, chi la offende e la deride dimostra che alcuni ricchi sono poveri dentro: miserabili nell’animo. E Daverio ha né ha dato prova in questi giorni”.

“Noi siciliani, noi “terroni – continua Papatheu -, saremo pure poveri economicamente ma nessuno potrà toglierci il vanto della storia e della bellezza di una terra unica al mondo. Chiederò al presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini, di adottare gli opportuni provvedimenti di far luce su quanto avvenuto nel televoto del “Borgo dei Borghi” in cui tanta gente ha votato a proprie spese per un’iniziativa nella quale poi è mancata la necessaria trasparenza e imparzialità” e soprattutto sul possibile conflitto di interessi dello stesso su Bobbio”.

 

LEGGI ANCHE:

Daverio si scusa con i Siciliani ma non con Musumeci: “Razzista è lei, lo dice la sua storia”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin