Papatheu: "Europee devono unire Forza Italia per difendere il Sud" :ilSicilia.it

la senatrice conferma la fiducia a Miccichè

Papatheu: “Europee devono unire Forza Italia per difendere il Sud”

di
13 Maggio 2019

Le elezioni europee del 26 maggio non devono dividere Forza Italia ma unirla. Mentre il Paese è ostaggio di un Governo inadeguato e dell’incapacità del Movimento Cinque Stelle, Forza Italia deve dare continuità a quel percorso che con la leadership di Gianfranco Miccichè ha portato il partito in Sicilia al 21% quando alcuni già ne annunciavano il “de profundis”. Lo afferma la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu.

L’esponente siciliana del partito azzurro difende la linea di Miccichè e, nel confermargli la sua fiducia, lancia bordate a chi contesta il massimo esponente di FI nell’isola.

“Le Amministrative di queste ore, con i successi ai ballottaggi di Gela e Mazara del Vallo, confermano l’importanza di alcune scelte di Forza Italia in Sicilia: o secondo qualcuno l’alternativa dev’essere l’alleanza con il M5S con la complicità della Lega? Chi vuole scegliere altre strade è libero di farlo ma è tutto da dimostrare che si tratti di percorsi con idee, valori e prospettive migliori. Forza Italia vuole difendere il Sud e soprattutto i Siciliani in un’Europa dove non c’è differenza tra Palermo, Catania e Messina, mentre necessita di una rappresentanza siciliana coesa e unita dagli stessi intenti. Per questo dobbiamo essere uniti e lottare insieme per la nostra Sicilia”.

Il nemico non può essere certo Miccichè – continua Papatheu – , l’avversario da sconfiggere è il M5S, che ha umiliato il Sud con le sue scelte scellerate e ha ingannato i siciliani con il becero bluff del reddito da divano che in molti hanno già rinunciato. Noi di Forza Italia non abbiamo mai derogato con i nostri alleati e coerenza, rispetto della persona e soprattutto presunzione d’innocenza continuano a valere sempre e per tutti”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin