Papatheu (Forza Italia): "Necessaria una costituente del nuovo centrodestra. Ripartiamo dal Sud" :ilSicilia.it

l'esponente di FI lancia un appello

Papatheu (Forza Italia): “Necessaria una costituente del nuovo centrodestra. Ripartiamo dal Sud”

2 Settembre 2019

Dopo il botta e risposta tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, è il momento del dialogo e della mediazione nel centrodestra. A lanciare ufficialmente la proposta di una nuova fase, “Una costituente tra tutte le forze politiche di centrodestra che possono e devono costituire un’alternativa politica e morale al patto di potere tra M5S e PD ma soprattutto devono rappresentare un punto di riferimento per gli italiani”, è la senatrice Urania Papatheu, esponente siciliana di riferimento di Forza Italia.

Non è il momento delle conflittualità, non è più l’ora delle tensioni e degli individualismi. Di fronte al pericolo ormai incombente della nascita di un governo illegittimo che non farà gli interessi degli italiani e si caratterizzerà per l’aumento delle tasse e l’oppressione fiscale e sociale, le forze del centrodestra – tutte e nessuna esclusa – hanno il dovere di sedersi ad un tavolo. Urge aprire un confronto politico e strategico, una costituente per dare vita ad un’alternativa credibile e affidabile al “patto di palazzo” di chi già litiga e si odia ma si allea per identico senso di opportunismo e stessa bramosia di potere. Loro vogliono controllare il presente, non dobbiamo costruire il futuro, loro vogliono proseguire la stagione dei disastri, noi dobbiamo aprire una stagione di speranza e di rilancio per il Paese. Per questo bisogna ricostruire, rilanciare e rafforzare il centrodestra come ha detto il presidente Berlusconi. Uniti si vince, divisi si perde e il centrodestra che ha fatto cose importanti per il Paese è quello che ha saputo far coesistere e condividere tutte le sue anime in un unico percorso politico e umano”.

la sen. Urania Papatheu

Immaginare un’alleanza di sovranisti e di populisti e pensare che si possa fare a meno dei moderati e dei liberali significa consegnare per i prossimi anni l’Italia al dilettantismo politico del M5S e alla fame di poltrone del PD. A loro ormai niente è impedito e nulla è proibito pur di occupare i posti di comando del Paese, anche se nessuno li ha votati e anche se gli italiani li hanno già bocciati e vorrebbero noi al governo. Abbiamo, quindi, il dovere di fermare questa deriva pauperista e giustizialista, dando un nuovo orizzonte al centrodestra ma soprattutto una rinnovata proposta politica ai tanti cittadini che credono in noi e ci chiedono di contrastare il carrozzone giallorosso”. Questo il monito di Urania Papatheu.

“Ripartiamo dagli italiani, ripartiamo soprattutto dal Sud”, è l’appello che lancia Papatheu ai vertici di Forza Italia nel Mezzogiorno: “Come ha evidenziato il presidente Musumeci, il Sud è il grande assente dal tavolo di confronto tra le forze politiche che daranno vita al nuovo governo nazionale e la nostra Sicilia viene soprattutto ignorata nel loro programma. Lega e M5S ci avevano dedicato la miseria di 8 righe, PD e M5S nemmeno quello. Per loro noi non esistiamo, non contiamo nulla mentre noi vogliamo essere il motore economico, culturale, sociale e umano dell’Italia. Per questo chiedo ai coordinatori del nostro partito di assumere l’iniziativa e la responsabilità di avviare insieme una fase immediata di confronto, la cui premessa dev’essere una forte coesione d’intenti e un impegno politico fattivo contro la volontà di PD e M5S di penalizzare ancora una volta il Mezzogiorno. Vogliono condannare il Sud ad una inaccettabile condizione di assistenzialismo e all’arretratezza economica, sociale ed occupazionale: non glielo permetteremo. E’ il momento di dire “No” all’ennesimo scippo. Difendiamo il Sud e ripartiamo dalla Sicilia per contrastare un altro governo illegittimo e per bilanciare l’ennesimo governo a trazione nordista”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona