Papatheu: "Governo Conte ha abbandonato i 18 pescatori di Mazara del Vallo" :ilSicilia.it
Trapani

la parlamentare di FI chiede il rilascio

Papatheu: “Governo Conte ha abbandonato i 18 pescatori di Mazara del Vallo”

di
11 Settembre 2020

“Il governo Conte, miope e disinteressato alle vicende della Sicilia e dei siciliani, ha abbandonato ad un destino sempre più preoccupante 18 marinai della marineria di Mazara del Vallo sequestrati il 1 settembre scorso dalle autorità libiche. Non si può accettare che due settimane dopo questo grave fatto, questi 18 nostri conterranei non siano stati ancora rilasciati”. Il monito arriva dalla parlamentare siciliana di Forza Italia, la senatrice Urania Papatheu.

“Il governo italiano – afferma Papatheu – sta affrontando con pressapochismo e superficialità una vicenda che a pieno titolo dovrebbe essere considerata una priorità nazionale. Il ministro degli Esteri, Di Maio, affaccendato nella campagna elettorale per il referendum anti-democratico sul taglio dei parlamentari, evidentemente non ha a cuore le sorti di 18 marinai. L’Italia dovrebbe far sentire la sua voce e la nostra diplomazia e le nostre Istituzioni dovrebbero fare di tutto per risolvere il caso”.

“Forza Italia, perciò, chiede il rilascio immediato e incondizionato dei 18 componenti dell’equipaggio di Medinea e di Antartide. Le famiglie vogliono risposte certe, i 18 pescatori vanno riportati a casa e il loro rilascio non può essere vincolato a mere questioni di territorialità. La libertà e il rispetto delle vite umane non può avere confini né vincoli di alcun genere, è l’ora della responsabilità e del buon senso”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Giammanco: “Interrogazione a Di Maio, i pescatori siciliani sequestrati in Libia devono tornare a casa”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.