Papatheu: "Solidarietà a Ginardi, i vigliacchi non vinceranno" :ilSicilia.it
Enna

l'esponente di Fi al fianco del vicesindaco di Leonforte

Papatheu: “Solidarietà a Ginardi, i vigliacchi non vinceranno”

12 Ottobre 2019

“Non si può accettare che un bravo amministratore e una persona onesta venga fatto oggetto di un ignobile gesto intimidatorio come quello avvenuto stanotte. Nino Ginardi non rimarrà solo al cospetto dei suoi codardi nemici”. Così la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu esprime solidarietà e vicinanza al vicesindaco di Leonforte, Nino Ginardi dopo l’attentato incendiario della scorsa notte.

Solidarietà sincera e pieno sostegno, umano ancor prima che politico, al vicesindaco di Leonforte, Ginardi – afferma Papatheu -, contro il quale è entrata in azione la mano vigliacca di chi non riuscirà a far prevalere la vile logica della paura sulla forza dell’onestà.  Saremo al suo fianco e ho già predisposto un’interrogazione parlamentare urgente”. 

Ginardi con Urania Papatheu

“Non consentiremo – evidenzia la sen. Papatheu – che quanto accaduto possa condizionare l’azione politica e civile trasparente di chi, come Ginardi, rappresenta il volto pulito di tanti siciliani, svolge la sua funzione in modo corretto e leale, al servizio dei cittadini e della comunità. I vigliacchi non vinceranno. Alle autorità preposte e competenti chiediamo adesso di fare piena luce su questo attentato incendiario e di assicurare alla giustizia gli autori e i mandanti”.

“Certamente fatti gravi come questo – aggiunge la parlamentare siciliana di FI – dovrebbero far riflettere chi di questi tempi mistifica la realtà con finte crociate e moralismi di comodo. Diranno anche stavolta che è colpa di Miccichè? I vari Giletti e Brambilla di turno, non hanno compreso o forse fanno finta di non capire che i siciliani sono quelli che hanno dovuto difendersi, hanno lottato contro la mafia e hanno pagato con il sangue, perdendo gli uomini migliori come Falcone e Borsellino, per poter vivere nella legalità. Non ci siamo mai arresi e mai lo faremo, malgrado questa sia una terra abbandonata invece da uno Stato che dalla Sicilia pretende ma poi non dà nulla ai siciliani e alla legittima necessità di sviluppo di questo territorio. Un’isola che solo grazie alla sua bellezza è riuscita a riscattarsi, mentre qualcuno comodamente in poltrona o davanti a una telecamera sputa sentenze per un pugno di applausi e per mera bramosia di audience“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.