Papatheu: "Solidarietà a Ginardi, i vigliacchi non vinceranno" :ilSicilia.it
Enna

l'esponente di Fi al fianco del vicesindaco di Leonforte

Papatheu: “Solidarietà a Ginardi, i vigliacchi non vinceranno”

di
12 Ottobre 2019

“Non si può accettare che un bravo amministratore e una persona onesta venga fatto oggetto di un ignobile gesto intimidatorio come quello avvenuto stanotte. Nino Ginardi non rimarrà solo al cospetto dei suoi codardi nemici”. Così la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu esprime solidarietà e vicinanza al vicesindaco di Leonforte, Nino Ginardi dopo l’attentato incendiario della scorsa notte.

Solidarietà sincera e pieno sostegno, umano ancor prima che politico, al vicesindaco di Leonforte, Ginardi – afferma Papatheu -, contro il quale è entrata in azione la mano vigliacca di chi non riuscirà a far prevalere la vile logica della paura sulla forza dell’onestà.  Saremo al suo fianco e ho già predisposto un’interrogazione parlamentare urgente”. 

Ginardi con Urania Papatheu

“Non consentiremo – evidenzia la sen. Papatheu – che quanto accaduto possa condizionare l’azione politica e civile trasparente di chi, come Ginardi, rappresenta il volto pulito di tanti siciliani, svolge la sua funzione in modo corretto e leale, al servizio dei cittadini e della comunità. I vigliacchi non vinceranno. Alle autorità preposte e competenti chiediamo adesso di fare piena luce su questo attentato incendiario e di assicurare alla giustizia gli autori e i mandanti”.

“Certamente fatti gravi come questo – aggiunge la parlamentare siciliana di FI – dovrebbero far riflettere chi di questi tempi mistifica la realtà con finte crociate e moralismi di comodo. Diranno anche stavolta che è colpa di Miccichè? I vari Giletti e Brambilla di turno, non hanno compreso o forse fanno finta di non capire che i siciliani sono quelli che hanno dovuto difendersi, hanno lottato contro la mafia e hanno pagato con il sangue, perdendo gli uomini migliori come Falcone e Borsellino, per poter vivere nella legalità. Non ci siamo mai arresi e mai lo faremo, malgrado questa sia una terra abbandonata invece da uno Stato che dalla Sicilia pretende ma poi non dà nulla ai siciliani e alla legittima necessità di sviluppo di questo territorio. Un’isola che solo grazie alla sua bellezza è riuscita a riscattarsi, mentre qualcuno comodamente in poltrona o davanti a una telecamera sputa sentenze per un pugno di applausi e per mera bramosia di audience“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.