Paradise Papers, nell'inchiesta di Report anche Musumeci e Dell'Oglio [VIDEO] :ilSicilia.it
Catania

Trasferiscono i conti in paradisi fiscali

Paradise Papers, nell’inchiesta di Report anche Musumeci e Dell’Oglio [VIDEO]

15 Novembre 2017

Ci sarebbero anche due imprenditori siciliani nell‘inchesta di Report e L’Espresso sui cosiddetti “Paradise Papers”, ovvero l’indagine sugli italiani che fanno affari nell’offshore e che trasferiscono i conti in paradisi fiscali per evadere le tasse.

Si tratterebbe di Sebastiano Musumeci, catanese, omonimo del neo presidente della Regione, manager della banca Ifigest; e di Raffaele Dell’Oglio, ristoratore palermitano.

L’inchiesta si incentra sugli affari nei paradisi fiscali di 120 politici di tutto il mondo, imprenditori, reali e istituti religiosi. I segreti sono nascosti nei 13 milioni di documenti ricevuti dalla testata tedesca Süddeutsche Zeitung e da The International Consortium of Investigative Journalists. L’inchiesta è stata condotta da 382 giornalisti di 96 testate di tutto il mondo. I segreti che riguardano imprenditori e aziende italiane che operano in settori sensibili e strategici sono svelati da #Report con una puntata speciale andata in onda domenica 12 novembre su Rai3. Per la carta stampata i documenti sono stati rivelati dal settimanale L’Espresso.

Ecco la presentazione della puntata speciale di Report:

La mappa di tutti gli italiani offshore, da L’Espresso

Quasi due anni dopo i Panama Papers, Report segue una pista nel mondo dell’avvocato Giovanni Caporaso, che ha il suo studio a Panama. Questa volta, però, il protagonista della storia è un giovane ipnotista catanese, Marco Marzaduri, che vive a Malta e che accusa l’avvocato di averlo derubato…

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.