Parchi archeologici troppo cari, Musumeci firma gli accorpamenti | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il decreto firmato dal governatore

Parchi archeologici troppo cari, Musumeci firma gli accorpamenti

di
26 Marzo 2019

Il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci ha firmato, nella qualità di assessore ad interim ai Beni culturali, carica assunta dopo la tragica scomparsa di Sebastiano Tusa, il decreto con cui viene modificato parzialmente l’elenco delle aree archeologiche che costituiscono il sistema dei Parchi archeologici siciliani.

Si decreta, dunque, una razionalizzazione dei parchi, necessaria rispetto alla precedente pianificazione considerato che “l’accorpamento gestionale di alcuni degli istituendi parchi dotati di minori potenzialità tecnico economiche è lo strumento più idoneo per supportare il concreto avviamento degli stessi”, si legge nel documento.

Non solo. Nel decreto firmato si legge anche che “l’istituzione di tutti i Parchi Archeologici di cui al D.A. 13 settembre 2018 n. 29 dotati di autonomia gestionale e finanziaria, comporterebbe lo sforamento dei parametri (…) in ordine alla rimodulazione degli assetti organizzativi dei Dipartimenti regionali”.

Il nuovo assetto prevede che i parchi siano tredici: il Parco archeologico di Gela, in provincia di Caltanissetta; il Parco Archeologico e Paesaggistico di Catania e della Valle dell’Aci, in provincia di Catania; il Parco Archeologico di Morgantina e della Villa Romana del Casale in provincia di Enna; tre nella provincia di Messina: Parco archeologico delle isole Eolie, quello di Naxos e Taormina e di Tindari; Parco Archeologico di Himera, Solunto e Monte Iato in provincia di Palermo; il Parco Archeologico di Kamarina e Cava d’Ispica in provincia di Ragusa.

Due i parchi archeologici in provincia di Siracusa, il Parco Archeologico di Siracusa, Eloro e Villa del Tellaro e il Parco Archeologico di Leontinoi. Tre, infine, quelli individuati in provincia di Trapani: il Parco Archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria; il Parco Archeologico di Segesta e quello di Lilibeo.

Leggi anche:

Beni culturali: dalla Regione via libera a tutti i Parchi archeologici

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.