Parco Alcantara, Fichera scrive ai sindaci: "Ridurre i prelievi idrici del 30%" :ilSicilia.it
Catania

chiesto un rafforzamento dei controlli

Parco Alcantara, Fichera scrive ai sindaci: “Ridurre i prelievi idrici del 30%”

di
4 Agosto 2021

Il presidente del Parco Fluviale dell’Alcantara, Renato Fichera, ha inviato una nota ai vari Comuni e Consorzi per la richiesta di riduzione dei consumi idrici ad uso irriguo e la nota inviata alla Polizia Metropolitana di Messina e Catania per un maggiore controllo del territorio.

“Si rende noto che il bacino idrografico del fiume Alcantara, su cui insiste il territorio di competenza del Parco Fluviale, istituito per favorire la conservazione della biodiversità – scrive Fichera -, sta risentendo in modo particolare le conseguenze della carenza idrica di questi anni con segni evidenti di compromissione dell’integrità degli habitat. Per quanto comunicato da Siciliacque Spa i comuni usufruiscono di prelievi idropotabili provenienti dalla condotta Alcantara”.

“Stante la particolare situazione di siccità dell’intero bacino dell’Alcantara, confidando nella sensibilità dei Comuni nella tutela dell’ambiente e degli habitat, si invita ad un uso parsimonioso della risorsa idrica proveniente dalla condotta Alcantara, al fine di consentire un possibile risparmio della stessa e la conseguente reimmissione nel fiume Alcantara della quota parte di acque non utilizzate dai Comuni. Inoltre, nel richiamare il contenuto dell’art.164 2 del decreto legislativo del 3 aprile 2006 n.152, si richiede a Siciliacque Spa e alle amministrazioni in indirizzo che leggono per conoscenza, ciascuno per le rispettive competenze, di porre in essere ogni possibile azione e provvedimento per abbassare di almeno il 20-30% i prelievi idrici ad uso irriguo o comunque diverso dall’uso idropotabile provenienti dalla galleria Alcantara, dall’alveo o comunque da pozzi limitrofi”.

Renato Fichera

Fichera ha scritto al sindaco della Città Metropolitana di Catania, Salvo Pogliese, al sindaco della Città Metropolitana di Messina, Cateno De Luca ed ai rispettivi ai Comandi del Corpo di Polizia Metropolitana di Catania e Messina per richiedere un incontro nel quale valutare l’opportunità di “attivare uno speciale coordinamento”, auspicando “un rafforzamento dei controlli nel campo ambientale ed ittico venatorio all’interno del Parco Fluviale”.

A margine delle note inviate sulla problematica rappresentata, il presidente del Parco Fluviale ha fatto sapere, intanto, che “Procede il lavoro di verifica dei presunti prelievi illeciti del prezioso liquido per irrigazione mediante l’abusivismo totale degli allacci oltre a controllare quelli concessionati che prelevano quantità superiori a quelle autorizzate. Ben presto tutti dovranno munirsi di misuratori di prelievo evitando così di lasciare libero arbitrio a privati e consorzi seppur regolarmente autorizzati”. “Chiaramente – aggiunge Fichera -la vita dell’agricoltura, come quella dell’energia green, va tutelata, ma non può essere causa di criticità della vita stessa del fiume. E’ in fase di studio avanzato un piano progettuale per il recupero delle acque reflue fitodepurate e una distribuzione acque che nei periodi estivi possa far tornare la vita all’interno dell’asta fluviale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin